.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
12 settembre 2018

Treia: azione ecologista AVI, marcia Perugia Assisi, spiritualità e religione, migranti e integrazione, denunciato l’obbligo vaccinale, ricordo di Lucio Battisti, raccontarsi vivendo in comunità…

Il Giornaletto di Saul del 12 settembre 2018 – Treia: azione ecologista AVI, marcia Perugia Assisi, spiritualità e religione, migranti e integrazione, denunciato l’obbligo vaccinale, ricordo di Lucio Battisti, raccontarsi vivendo in comunità…

Care, cari, festeggiamo l’AVI con un’azione ecologista. Non parlo dell’associazione dei donatori di sangue, si tratta dell’Associazione Vegetariana Italiana fondata dal filosofo Aldo Capitini il 12 settembre del 1952 (e di cui anche il circolo vegetariano VV.TT. di Treia è parte). Perciò il 12 settembre 2018, in occasione del 66° della fondazione, si organizza a Treia una bella passeggiata ecologista… – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2018/09/09/treia-12-settembre-2018-raccolta-d%E2%80%99immondizie-per-festeggiare-l%E2%80%99avi/

Albano. Dolce Bajocco – Scrive Mercato Contadino: “Il 16 settembre 2018, alle ore 11, si svolgerà, nell’ambito del Festival degli artisti di strada Bajocco, il “Concorso Dolce Bajocco“, dedicato ai dolci della tradizione familiare, organizzato dal Mercato Contadino Roma e Castelli Romani, a Palazzo Savelli – Comune di Albano Laziale, Piazza Costituente 1. Entro le ore 10,30 ogni concorrente dovrà presentarsi con il proprio dolce “fatto in casa”, realizzato con ingredienti genuini biorefionali, allegando la ricetta e una piccola presentazione. Info: info@mercatocontadino.org”

“Non aderiamo alla marcia della pace Perugia-Assisi” – Scrive Yousef Salman, Presidente Comunità Palestinese di Roma: “Pensavo di dare l’adesione delle Comunità palestinesi d’Italia alla marcia Perugia-Assisi, prima di leggere il testo dell’Arci. Poi ho letto e dico che quella marcia, impostata così, è inutile, spreco di tempo e di danaro, ai fini della pace, anzi è dannosa e al massimo può servire alla conquista di qualche poltrona nel mondo degli incarichi politici da far occupare a qualche “compagno-amico” alle prossime elezioni. Chi crede nella pace e nelle sue marce, non può e non deve cambiare rotta una volta eletto al parlamento, andando a votare i piani della Nato, “le missioni di pace” e le guerre umanitarie…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2018/09/11/comunita-palestinese-roma-no-alladesione-alla-marcia-della-pace-perugia-assisi/

Commento di V.B.: “Come non essere d’accordo con Yousef Salman? Basta con l’ipocrisia dei finti “pacifisti” di sua maestà! La marcia Perugia-Assisi è diventata solo una pagliacciata. Ignora il colonialismo, le aggressioni, i popoli che soffrono sotto l’occupazione…”

Spiritualità e religione sono cose diverse… – C’è una sostanziale differenza fra religione e spiritualità. La religione è l’aderenza alle norme e ai dogmi di una qualsiasi religione, quindi rappresenta un “atto di fede”, cioè un “voler credere” e mettere in atto quei dogmi e quelle norme nella propria vita. Perciò essa appartiene al dominio della mente ed è opinabile. All’inverso la Spiritualità naturale è la scintilla cosciente che qualifica ogni essere vivente e che nell’uomo si manifesta in forma di “consapevolezza di sé”. Quindi la Spiritualità è la vera natura dell’essere e non è condizionata da alcuna precondizione o adesione ad una etica, morale o dir si voglia… – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2018/09/la-spiritualita-naturale-e-le-religioni.html

Schiavi del mercato e dell’orario continuato – Scrive C.R.: “La liberalizzazione degli orari voluta dal governo Monti ha fallito sotto ogni punto di vista, l’unica cosa perfettamente riuscita è l’abbattimento dei nostri diritti e del nostro salario. Ci avete tolto la nostra cultura, i nostri valori, le nostre giornate in famiglia, le nostre passeggiate all’interno di strutture pubbliche come musei, parchi naturali, la nostra giornata in spiaggia con gli amici, il pranzo domenicale, le giostre, crescere come vogliamo i nostri figli, il tempo da dedicare ai nostri cari e tempo da dedicarci…”

Migranti e integrazione possibile. Ripropongo questo articolo in chiave di attuazione bioregionale – …non è detto che sia impossibile creare una “integrazione” ed una collaborazione anche fra membri di culture e razze diverse. Siamo tutti esseri umani e non c’è alcuna differenza fra un nero, un bianco ed un giallo. Il problema subentra quando una certa comunità vuole far prevalere la sua “cultura” o “religione” o “idea politica” e cerca di imporla in un modo o nell’altro agli altri…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2017/11/integrazione-possibile-solo-in-chiave.html

“Sono stati gli extraterrestri”. La grande beffa dell’11.9 – Scrive V.B. a commento del’articolo https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2018/09/da-calcata-new-york-11-settembre-2001.html?showComment=1536674772880#c5925775351011485060 -: “Bravo Paolo a ricordarci la tragica beffa dell’11 settembre. Anche io (come ingegnere e non come “politico”) rimasi esterefatto quando appresi che tre enormi grattacieli (di cui uno non era nemmeno stato colpito da nulla!) si erano letteralmente sbriciolati in pochi secondi. Poi l’ottimo lavoro di migliaia di tecnici (la maggior parte dei quali ingegneri, architetti, fisici e chimici americani!) ha chiarito tutto e svelato il feroce trucco assassino. Alla faccia dei benpensanti e dei debunkers di professione prezzolati che ci attaccano come “complottisti”…” – Continua in calce al link

Commento di P.P.: “Tutti sanno che basta una sigaretta dimenticata accesa per buttar giù un palazzo di cemento armato e acciaio… La cigliegina sulla beffa, lo scandalo inspiegabile, è stato il WTC 7, che è crollato senza nemmeno che fosse colpito. Ma si sapeva che doveva collassare su se stesso. Tanto che una giornalista della BBC (un po’ scema) annunciò alla televisione che era crollato mentre dietro di lei era ancora perfettamente in piedi…” – Continua in calce al link sopra segnalato

L’Italia denunciata per l’Obbligo Vaccinale – Scrive Loris Palmerini: “…è vietato dalla Convenzione di Oviedo che l’essere umano venga messo in secondo piano per l’interesse della società o della Scienza. Infatti l’articolo della Convenzione di Oviedo, stabilisce infatti il “primato dell’essere umano”  testualmente “ L’interesse ed il bene dell’essere umano debbono prevalere sul solo interesse della società della scienza.”. Poi l’articolo 5 e gli altri a seguire realizzano un sistema che dichiara senza appello illegale e contrario ai diritti umani l’obbligo vaccinale, e ancor di più quello che è stato messo in piedi dalla Lorenzin e compagni, sperimentazioni comprese…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.com/2018/09/lobbligo-vaccinale-e-contrario-alla.html

P.S. Il parlamento italiano ha ratificato con legge 215 del 2001 la Convenzione di Oviedo che vieta ogni obbligo nel campo della salute, vaccinazioni comprese. La legge vige in Italia, sebbene tradita, ed il parlamento ha delegato il Presidente della Repubblica a depositare presso il Consiglio d’Europa la ratifica, un semplice atto amministrativo che non toglie validità alla legge. Firma per chiedere al Presidente della Repubblica di provvedere immediatamente come dovuto al deposito della firma… – Continua in calce al link soprastante

In ricordo di Lucio Battisti… – Scrive Gianni Donaudi: “Venti anni or sono moriva Lucio Battisti. Un cantante che accompagnò due o tre generazioni in questo ultimo cinquantennio. Lucio era riuscito a conciliare la musica moderna con una visione ancora “romantica” e “sentimentale” (nel senso di sentimenti autentici) dei rapporti tra uomo e donna. Per questo negli anni ‘70 venne messo all’Indice da tanti “bonzi” della cultura “contestataria” fino all’accusa di essere “fascista”. Eppure le sue canzoni piacevano e piacciono tutt’ora anche a molti giovani di sinistra…” – Continua: http://retedellereti.blogspot.com/2018/09/in-ricordo-di-lucio-battisti-il.html

Bologna. Il gioco delle rime – Scrive Youkali: “Giovedì 13 settembre 2018, ore 20:45, Bologna, Giardino Gino Cervi (Zona Coop San Donato). Il Gioco delle rime. Voce: Simona Sagone. Pupazzi, burattini, ombre e proiezioni: Valentina Paolini. Fisarmonica: Salvatore Panu. Chitarra, glockenspiel, percussioni: Mirco Mungari Drammaturgia e progetto di Simona Sagone. Info: torepanu@tiscali.it”

Raccontarsi vivendo in comunità – Scrive Andrea Santini: “Solitamente ognuno frequenta solo amici che abbiano le medesime costruzioni in mente. Insieme si aiutano ad edificare e a restaurare forme-pensiero. Si basa su questo la moda, l’economia, la politica, la religione. Puoi annusare gli schieramenti dall’odore…” – Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.com/2018/09/raccontarsi-vivendo-in-comunita-tra-gli.html

Ciao, Paolo/Saul

…………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“In principio questo [universo] era solamente Quello in forma di Purusha (noumeno, soggetto assoluto). Egli si guardò intorno ma non vide altro che se stesso. Così per prima cosa disse: ‘Io sono Quello’. Perciò ‘Io’ divenne il suo nome…” (Brhadaranyaka Upanisad)




permalink | inviato da retebioregionale il 12/9/2018 alle 9:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     agosto        ottobre