.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
22 ottobre 2018

Islam socialmente utile, il TAV chiude?, bambini in vendita, Big Tech: nuovo pericolo, meaning of bioregionalism, Conegliano: lotta contro i pesticidi, Treia: l’isola somarabile…

Il Giornaletto di Saul del 22 ottobre 2018 – Islam socialmente utile, il TAV chiude?, bambini in vendita, Big Tech: nuovo pericolo, meaning of bioregionalism, Conegliano: lotta contro i pesticidi, Treia: l’isola somarabile…

Care, cari, spesso mi son posto criticamente verso alcuni dettami della religione islamica, in cui non si tiene conto dei diritti delle donne e delle libertà individuali, ma a dire il vero forse nel mondo islamico la condizione femminile gode di maggior rispetto umano, sia pur nelle ristrettezze dell’espressione formale, altrettanto dicasi per le dignità personali godute nella vita sociale, ove è più sentita la regola del rispetto reciproco e dei valori condivisi. Insomma l’Islam è poco “libertario” ma l’uomo comune vive in un ambito comunitario più solidale. E poi l’Islam non è solo Medio ed Estremo Oriente e Nord Africa possiamo tranquillamente affermare che l’islamismo si è ben inserito nelle pieghe della società occidentale e non solo per gli emigranti ma anche per gli europei “convertiti” soprattutto a causa del rispetto delle norme sociali comunitarie manifestate in questa cultura. La gente si converte all’Islam perché si sente socialmente più protetta. Questo dovrebbe far meditare i nostri padri cristiani ed i nostri sociologi che ormai si interessano solo degli aspetti “economici” del benessere. Personalmente, come tutti ben sapete, non ho alcuna predisposizione religiosa, sono un laico, ma la mia laicità mi consente di osservare senza paraocchi ciò che avviene attorno a me. Se c’è un saggio cristiano, lo riconosco, se c’è un saggio ateo pure, se c’è un santo musulmano davanti a me anch’egli non disconosco…

Il TAV chiude? Scrive Giulietto Chiesa: “…le notizie che si accumulano, sul tema TAV, dagli ambienti governativi dicono che il pazzesco e inutile progetto della cosiddetta Torino-Lione sarà accantonato definitivamente. Se sarà effettivamente così, vorrà dire che non solo il territorio italiano sarà stato risparmiato da uno sfregio davvero epocale; che si risparmieranno miliardi di euro; ma che uno straordinario movimento popolare di 60 mila persone, e trenta comuni, che ha lottato per oltre due decenni, avrà vinto la sua storica battaglia… – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2018/10/buone-notizie-dalla-valsusa-tav-in.html

“Una delle peggiori ideologie, in questo momento storico, è quella relativa al concetto di “utile” e di “buono”, che persino supera ogni altra convinzione politica e religiosa… Ed è in nome dell’utilità e della bontà che la società umana va sprofondando verso la perdita dell’anima e della capacità d’intendere e di volere. Questa ideologia, chiamiamola pure “profittevole”, così amata dai ragionieri della vita, rischia di forzare sempre più l’uomo in direzione della rinuncia ad ogni umanità e capacità discriminante. E con la perdita dell’intelligenza subentra anche la perdita della capacità di sopravvivenza della specie umana…” (Saul Arpino)

Bambini in vendita – Scrive Daniela Turrini: “In Italia l’utero in affitto è reato, ma viene legittimato da quei sindaci e giudici che hanno trascritto atti di nascita di bambini presi all’estero, come figli di “due padri”. È successo a Roma, a Milano, a Torino… la Corte di cassazione si pronuncerà presto proprio su un caso relativo a una coppia di uomini che rivendica la “paternità” di un bambino comprato in Canada. Quei giudici e sindaci, insieme ai media, vogliono farci credere che strappare bambini dalla loro madre e renderli oggetto di compravendita sia un “nuovo diritto”!…” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2018/10/utero-in-affitto-ovvero-se-i-bambini.html

P.S. – Il Corriere della Sera del 20 ottobre ha annunciato che il Comune di Roma, per volere del Sindaco Virginia Raggi, non solo ha ordinato la rimozione dei manifesti, ma ci ha inflitto pesanti sanzioni e – udite udite – ha «approvato una memoria per dare una risposta sistematica alle campagne di comunicazioni» di Pro Vita e Generazione Famiglia, secondo loro «omofobe e lesive dell’altrui dignità»!…”

Big Tech. Nuovo pericolo – Scrive Luigi Caroli: “Fino al nov. 2016, la Silicon Valley era posta su un piedistallo e il mondo americano della cultura elogiava i CEO (Chief executive officer) di queste aziende ritenendoli i simboli dell’ingegno nazionale.
Mai si era posto domande sui sistemi da loro creati e gestiti. Cominciò a farlo dopo la vittoria di Trump. Qualcuno si è chiesto se non fosse stata agevolata dal comportamento – non dichiarato – di Facebook. Zuckerberg ha immediatamente declinato qualsiasi responsabilità: ”La mia azienda non ha diffuso false notizie”…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2018/10/21/le-big-tech-sono-pericolose/

PS: Dopo Steve Jobs – fondatore di Apple – è scomparso quattro giorni fa Paul Allen – fondatore con Bill Gates di Microsoft. Di beneficienza i tre ne hanno fatta…

Meaning of bioregionalism and deep ecology – …deep ecology is the recognition of the inseparability of life, and bioregionalism is nothing other than the description of the various vital processes and visible forms of life and matter in the awareness of such inescapability. Thus, the bioregional “geographic” description is functional to the integration of the described scope. As happened at  the time of Menenio Agrippa who described the state in terms of the complementarity of structured organs for the functioning of the entire organism. This talk is very close to Serge Latouche’s socio-economic philosophy, in terms of decrease and… – Continue (con testo italiano): https://bioregionalismo.blogspot.it/2017/10/meaning-of-deep-ecology-and.html

Retrocessi da Moody’s per dare un tozzo di pane a 5 milioni di poveri – Scrive Roberto Tumbarello: “Junker & C hanno ragione per il linguaggio da bettola ma sbagliano sul reddito di cittadinanza. La lotta alla povertà non dovrebbe pesare sul bilancio dello stato. Non è un dovere dell’UE?. Come aiutare un paese dopo un terremoto, un disastro idrogeologico o una guerra. Questi lutti e sofferenze non sono cruenti. La gente muore in silenzio. 10 miliardi per ridare dignità ai poveri sono niente. Se andasse a buon fine non sarebbe una spesa, ma il migliore investimento. Una ricchezza non solo per l’Italia. È vergognoso, invece, non intervenire…”

Conegliano. Lotta contro i pesticidi – Scrive Gianluigi Salvador : “…non accettiamo più l’arroganza, il sorrisetto di chi sa di farla sempre franca. Non accettiamo più di coprire i nostri orti, di scappare dentro casa, di chiudere correndo con l’ansia continua tutte le finestre, di mandare via i nostri figli! Non possiamo più vedere malati chiedere: “PERCHE’ a me?”. Fiaccolata giovedì 25.10.2018 a Conegliano…” – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2018/10/conegliano-la-lotta-contro-i-pesticidi.html

Massoni avanti tutta – Scrive M.B.: “Prosegue l’Operazione loggia lanciata dal cardinal Ravasi per avvicinare Chiesa e Massoneria. Ora tocca a Gubbio. Le cattoliche Acli e il GOI domani insieme per un “dialogo possibile” dove la dottrina cade sotto i colpi di una prassi conciliante. Imbarazzo in diocesi ad Assisi, che, dopo la telefonata della Nuova BQ, cancella la notizia dal sito. E irritazione a Gubbio…”

Treia. Isola somarabile – …sull’ordinamento veicolare urbano di Roma non son potuto intervenire. Ci proverò dunque a Treia, ove attualmente risiedo, che è tra l’altro un bellissimo borgo medioevale, ma pure qui prevale la mentalità dell’uso di vie e piazze come parcheggi e percorsi automobilistici. Per fortuna il traffico è più che altro locale ma sicuramente il paese ci guadagnerebbe a ritrovare la sua vecchia immagine pulita e fiorita senza mezzi meccanici che la impuzzolentiscono e rendono le sue stradine pericolose per il transito pedonale. Infatti spesso mi capita di dovermi  scansare al passaggio di scoppiettanti auto e moto in corsa, che non rispettano nemmeno i limiti di velocità e non tengono conto della strettezza delle vie del centro. Chissà se la futura amministrazione treiese, che sortirà dalle elezioni di primavera 2019, vorrà sposare la proposta di trasformare Treia in “isola somarabile”?… – Continua: https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2018/10/treia-sara-la-prima-isola-somarabile.html

Ciao, Saul/Paolo

…………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“D.: Se si tratta di fare una cosa che si considera errata e se, grazie a questa, si può salvare qualcun altro da un errore più grave, si dovrebbe farla o ci si dovrebbe astenere?
R.: Cos’è giusto e cos’è sbagliato? Non c’è un modello con cui giudicare qualcosa come giusto e qualcos’altro come errato. Le opinioni differiscono secondo la natura dell’individuo e secondo le circostanze. Inoltre sono idee e nient’altro. Non preoccuparti di esse, ma liberati piuttosto dei pensieri. Se rimani sempre nel giusto, allora il giusto prevarrà nel mondo.” (Da “Sii ciò che sei” – Ramana Maharshi)




permalink | inviato da retebioregionale il 22/10/2018 alle 5:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     settembre        novembre