.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
14 novembre 2018

Non è più tempo di campane, lettera aperta al presidente Mattarella, l’approccio ecologista di Serge Latouche, Palermo e Libia, Donald Trump e Federal Reserve, guerre di spopolamento, lo zero metafisico, olfatto e sessualità, proto-indoeuropean culture…

Il Giornaletto di Saul del 14 novembre 2018 – Non è più tempo di campane, lettera aperta al presidente Mattarella, l’approccio ecologista di Serge Latouche, Palermo e Libia, Donald Trump e Federal Reserve, guerre di spopolamento, lo zero metafisico, olfatto e sessualità, proto-indoeuropean culture…

Care, cari, nel VI secolo dopo Cristo viene introdotta dal Papa la suonata delle campane. Il suono delle campane viene introdotto agli albori di un periodo che segnerà un inasprimento generale delle condizioni di vita: di lì a poco, il potere temporale della Chiesa diverrà assoluto. Le campane suoneranno tutte le volte che qualcuno sarà processato e condannato, tutte le volte che un eretico verrà sottoposto all’Auto da Fè, alla gogna. Succederà ogni volta che la persona torturata verrà messa su un carro e trascinata per la città, coperta di sacchi e abiti penitenziali. Tutti potranno udire il suono delle campane. Hai preso la banana? Finisci nell’acqua fredda. Hai rifiutato la Chiesa? Bruci sul rogo, al suono delle campane. Le campane suonavano sempre, ogni volta che si affacciava sul pubblico un Papa, o un vescovo, presentandosi all’altare per dettare le sue condizioni. Da 1200 anni a questa parte, la campana ha suonato ininterrottamente. Trasmettendoci un messaggio ben preciso: stai attento, perché a comandare sono “loro”. Quindi obbedisci, perché chi non l’ha fatto è finito male… (Maddalena Taroni)

Lettera aperta al presidente Mattarella sulla libertà d’informazione – Scrive Adriano Colafrancesco: “Illustrissimo Presidente Sergio Mattarella, ha perfettamente ragione quando afferma che “la libertà di stampa ha un grande valore, perché, anche leggendo cose che non si condividono, anche se si ritengono sbagliate, consente e aiuta a riflettere”. Mi domando, però, questo vale anche per la malversazione giornalistica a fini di denigrazione ad opera di prestigiose testate giornalistiche?…” – Continua:http://www.circolovegetarianocalcata.it/2018/11/13/allillustrissimo-presidente-mattarella-lettera-aperta-sulla-liberta-di-espressione-e-di-informazione/

Sepoltura ecologica – Scrive Marinella Correggia a commento dell’articolohttp://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/03/18/sepoltura-nella-nuda-terra-e-liberta-di-cremazione-ecologica-proposta-di-legge-popolare-disattesa/ -: “Carissimo Paolo, l’idea della sepoltura ecologica è bellissima, non sapevo ti fossi occupato anche di questo (ma conoscendoti, avrei dovuto sospettarlo!). Anni fa scrissi qualcosa sul Manifesto a proposito della possibilità di essere sepolti nei prati. A me la cremazione non pare soluzione migliore ma forse gli specchi ustori la migliorano. Paolo, senti, noi che colleghiamo ecologia e guerre (visto che non siamo tanti) dobbiamo farlo in modo più perentorio. Un abbraccio a Caterina, prima o poi dobbiamo occuparci dei lavori nella zootecnia..”

Mia rispostina: “Cara Marinella, l’occasione migliore per parlare di tutti i nostri progetti potrebbe essere  durante la Festa dei Precursori che si tiene qui a Treia attorno al 25 aprile … comincia a metterla in agenda, un abbraccio”

L’approccio ecologista di Serge Latouche – …Come sappiamo il professor Serge Latouche è tra gli avversari più noti della globalizzazione del pianeta e un sostenitore della decrescita conviviale e del localismo. Conosciuto per i suoi lavori di antropologia economica mira a proporre nelle sue opere il concetto dell’economico, rifacendosi alla definizione di economia sostanziale, intesa come attività in grado di fornire i mezzi materiali per il soddisfacimento dei bisogni delle persone. Egli critica, attraverso argomentazioni teoriche solide e con un approccio empirico il concetto di sviluppo e le nozioni di razionalità ed efficacia economica… – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/11/lapproccio-bioregionale-di-serge.html

Rimini. Senza glutine – Scrive AVI: “L’Associazione Vegetariana Italiana sarà al Gluten Free Expo a Rimini dal 17 al 20 novembre. Gluten Free Expo nasce come il primo evento internazionale dedicato ai prodotti senza glutine e lattosio. Vieni a trovarci, padiglione C7 stand M07. Info: aurigemma.dr.ciro@gmail.com”

Palermo. I distruttori della Libia ora si camuffano da salvatori – Scrive Manlio Dinucci: “La Conferenza internazionale “pro-Libia” si è svolta il 12-13 novembre a Palermo, in quella Sicilia che sette anni fa è stata la principale base di lancio della guerra con cui la Nato sotto comando Usa ha demolito lo Stato libico. Essa veniva iniziata finanziando e armando in Libia gruppi islamici ostili al governo di Tripoli e infiltrando nel paese migliaia di commandos qatariani camuffati da «ribelli libici». Veniva quindi lanciato, nel marzo 2011, l’attacco Usa/Nato durato 7 mesi. L’aviazione effettuava 30 mila missioni con impiego di oltre 40 mila bombe e missili…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2018/11/13/palermo-i-distruttori-si-travestono-da-salvatori-della-libia/

Integrazione di Marco Palombo: “Cristiana Mangani sul Messaggero di martedì 13 novembre scrive che la principale questione al centro della Conferenza di Palermo sulla Libia è il piano ONU per avere una sola Banca Centrale Libica che gestisca tutte le entrate petrolifere. Quelle che arrivano dai territori amministrati da Tripoli e quelle che arrivano dai territori amministrati da Tobrouk…” – Continua al link soprastante

Donald Trump e Federal Reserve. Un rapporto complicato – Scrive Brandon Smith: “…avevo già previsto una possibile guerra fra Trump e la FED e avevo descritto la strategia utilizzata dai globalisti per ridurre l’economia americana [e utilizzarne il calo] come mezzo per favorire il sostegno popolare ad un sistema monetario globale, controllato dal FMI e anche dalla Banca dei Regolamenti Internazionali. Questa è una strategia che hanno apertamente discusso nelle loro pubblicazioni. Tanto per esseri chiari, la FED ha veramente agito da forza distruttiva all’interno dell’economia degli Stati Uniti…” – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2018/11/il-rapporto-complicato-tra-donald-trump.html

Appignano. Clima – Scrive Alberto Meriggi: “Il Convegno “Andamento del clima nelle Marche centro meridionali” si svolgerà nella Sala Eventi del Comune di Appignano (Piazza Umberto I) il 24 e 25 novembre 2018. Il pranzo di Sabato 24 sarà offerto ai relatori e ai soci presenti dal Comune di Appignano, in collaborazione con la sezione Auser locale. Info: studistoricimaceratesi@gmail.com”

Sovrappopolazione e guerre di spopolamento dalla più remota antichità – Scrive Rosa Ronzitti: “Il motivo della “guerra di spopolamento” rappresenta un caso di concordanza greco-indiana da tempo noto agli studiosi: tanto le saghe di Troia e di Tebe quanto il grande scontro fra Pa??ava e Kaurava erano infatti motivati, sub specie divina, come interventi volti a riequilibrare il rapporto fra popolazione e ambiente…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2017/11/guerre-di-spopolamento-il-problema.html

Piombino: Sogni e altiforni. Recensione – Scrive Gianni Donaudi: “Di Gordiano Lupi & Cristina de Vita: “Sogni e altiforni – Piombino Trani senza ritorno”. Sfogliando questo libro sembra quasi di sentirlo il profumo del tempo passato, l’odore della nostalgia, di quella sana, dolce nostalgia che fa bene al cuore. Quella che libera le menti verso i tempi andati e costruisce un gigantesco dribbling fra tanti amori perduti che in fondo non lo sono mai del tutto. Sono l’amore per una donna e quello per il calcio… – Info: lupi@infol.it”

Quello zero metafisico che non piaceva alla chiesa – Tutta la conoscenza filosofica e scientifica nasce in India, un paese considerato dai cristiani retrogrado e dedito all’idolatria. Il primo ad aver descritto lo zero è stato un grande matematico indiano, Brahmagupta, vissuto tra il 598 e il 668 dopo Cristo e autore di un libro, il Brahmasphuta Siddhanta, dove, secondo lo storico Carl Boyer, propone «il primo esempio di aritmetica sistematica comprendente i numeri negativi e lo zero…” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2018/11/quello-zero-ateo-e-metafisico-che-non.html

Migranti e globalizzazione. Quel che possiamo fare… – Scrive G.Z.: “…Non nego certo il problema dei migranti che è del tutto evidente e andrebbe affrontato nella sua complessità senza scorciatoie ideologiche. Fin dai primi anni 80 abbiamo assistito a ondate successive di cinesi poi slavi, albanesi, nordafricani, romeni e africani… quasi ogni famiglia ha avuto in casa una badante dell’Est o dell’estremo oriente, l’economia e la vita sociale di città come Prato è stata completamente stravolta dalla presenza massiccia di cinesi. Non mi dilungo oltre, c’è così tanta letteratura, film, studi e ricerche sull’argomento che qualunque esperienza e punto di vista personale appare riduttivo; essendo un problema globale che investe tutti i paesi del mondo, noi, in questa Italietta da avanspettacolo possiamo solo fare le nostre scelte….”

Olfatto, estetica e sessualità – L’olfatto, si sa, è il primo senso che si è sviluppato negli esseri viventi. Attraverso l’olfatto, più che per mezzo degli altri sensi, gli animali sono in grado di riconoscere il mondo che li circonda, la loro vita è tutta una mappa di odori. Ovviamente è stato così anche per l’uomo, soprattutto fino all’avvento della società industriale che con i suoi forti olezzi ha tarpato ed ottenebrato la capacità olfattive dell’uomo… – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2018/11/lalimentazione-bioregionale-aiuta.html

Treia. Performance e libraria – Scrive Barbara Rossetti: “Onorata di avere come “artista” la Nostra Amica Morena Oro al centro Adesso Yoga (Via Bellamore 1) di Treia, domenica 18 novembre 2018, alle ore 17:30. Presenterà la sua nuova Creatura, il suo nuovo libro, la sua nuova performance: “IL SOSPIRO DI MEDUSA.” Prepariamoci ad immergerci nelle nostre profondità per poi risalire in uno squarcio di luce… personalmente questo è quello che provo ad ogni performance della Oro”

Proto-indoeuropean culture – The following genetic analysis shows the origins of the indo-European patriarchal pastoral culture called Kurgan (from the tumuli used to bury the dead). This is very intriguing since the birthplace of Arian civilization is halfway between Europe and the Indus Valley. This culture, also mentioned by Archaeologist M. Ginbutas in his book on the disappearance of matriarchy in ancient Europe (attributed to the Kurgan invasion), was deeply rooted in the North of India, passing through Iran to all Europe, Italy and Greece included. Indeed, all European languages are of Indo-European matrix as Sanskrit… – Continue (con testo italiano):https://bioregionalismo.blogspot.com/2017/10/proto-indo-european-culture-and-aryan.html

Ciao, Paolo/Saul

……………………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Osserva un bambino che raccoglie conchiglie sulla spiaggia: è più felice dell’uomo più ricco del mondo. Qual è il suo segreto? Quel segreto è anche il mio. Il bambino vive nel momento presente, si gode il sole, l’aria salmastra della spiaggia, la meravigliosa distesa di sabbia. È qui e ora. Non pensa al passato, non pensa al futuro. E qualsiasi cosa fa, la fa con totalità, intensamente; ne è così assorbito da scordare ogni altra cosa. Il segreto della felicità è tutto qui: qualsiasi cosa fai non permettere al passato di distrarre la mente e non permettere al futuro di disturbarti.” (Osho)




permalink | inviato da retebioregionale il 14/11/2018 alle 5:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 2040640 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     ottobre        dicembre