.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
20 febbraio 2019

Il Giornaletto di Saul del 20 febbraio 2019

Il Giornaletto di Saul del 20 febbraio 2019 – La primavera a Treia porta cattivi odori, Macerata: attività del Centro Studi Storici Maceratesi, Canada: donne indiane contro l’estrattivismo, sistema giudaico etnocentrico,”Alza la posta” di Peter Berg, differenze tra cattolicesimo e buddismo, denatalità in Italia…

Care, cari, già da metà febbraio, a Treia, come in tutte le Marche, si avvertono le prime avvisaglie della primavera. L’aria si fa più dolce ed il tepore dei primi raggi del sole fanno germogliare erbe e fiori. Si dice che la primavera porti con sé il fresco aroma della natura che si risveglia a nuova vita, non è però questa la sensazione percepita da chi transita sulla strada tra Schito e Chiesanuova di Treia le cui narici vengono offese da un puzzo inenarrabile. E ciò accade da diversi anni a questa parte, in particolare nei periodi antecedenti le semine. Proprio in questi giorni gli abitanti del luogo osservano un continuo andirivieni di camion carichi di tonnellate di concimi che vengono scaricate in mucchi e successivamente sparse sui terreni… – Continua: https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2019/02/la-primavera-treia-porta-cattivi-odori.html

“Alza la posta” di Peter Berg. Recensione – Scrive Italo Carrarini: “Il libro contiene dodici brani che, nelle intenzioni del curatore, ben rappresentano il percorso di Peter Berg nell’articolazione e nella diffusione del concetto bioregionale. La finalità del pensiero bioregionale è quella di considerare l’umanità da un punto di vista storico-antropologico e di tracciare le linee guida per un post-ambientalismo con l’obiettivo di avanzare proposte per lo sviluppo di politiche localmente appropriate…”

Sistema giudaico etnocentrico – «Ciò che importa davvero nella reli­gio­ne ebrai­ca non è l’immortalità del singolo ebreo, ma quella del popolo ebraico [...] Il futuro della nazione, e non quello dei singoli, resta l’obiettivo decisivo” [S.W. Baron, A Social and Religious History of the Jews. The Jewish Publication Society of America]» – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2018/09/giudizio-accademico-sul-sistema.html

Bombe atomiche pronte all’uso – Scrive Tavolo della Pace: “Forse non tutti sanno che… nell’Italia denecluearizzata abbiamo come minimo 70 bombe atomiche USA nelle basi di Ghedi e di Aviano? (che manteniamo a spese nostre); …che il nostro paese non ha partecipato ai tavoli e non ha firmato il nuovo trattato ONU di luglio 2017 per l’interdizione del nucleare?; che abbiamo 11 porti nucleari fra cui Livorno e che corriamo un rischio cernobyl (a nostra insaputa) e che tuttora non è stato reso pubblico nessun piano di emergenza esterno come previsto dalla legge? (ad eccezione del porto di Augusta il cui piano di emergenza è stato finalmente reso pubblico); …che a volte ritornano e che potrebbero arrivare di nuovo i missili di Comiso?”

Macerata. Attività culturali – Scrive Centro Studi Storici Maceratesi: “Si apre il calendario degli eventi culturali programmati per il 2019 con la presentazione del libro “Giuditta da Morrovalle”, scritto da Manlio Baleani. La manifestazione avverrà Venerdì 1 marzo, nella Sala Castiglioni della Biblioteca Mozzi-Borgetti di Macerata. Il programma prevede un intervento introduttivo del prof. Alberto Meriggi, a cui seguirà la relazione dell’autore che si avvarrà della collaborazione, per la lettura di brani, del prof. Fabio Macedoni e della sorella Antonella Macedoni…” – Continua: https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2019/02/macerata-1-marzo-2019-presentazione-del.html

Monsummano Terme. Discarica pericolosa – Scrive Arpat: “Il 4 febbraio u.s. ARPAT effettuava un sopralluogo per verificare l’osservanza delle disposizioni in materia ambientale in una ditta di Monsummano Terme di riparazioni auto e trasporto per conto terzi. Dalla verifica è emerso che la ditta ha gestito rifiuti speciali, pericolosi e non, senza la necessaria autorizzazione e li ha depositati in modo incontrollato, mettendo a rischio l’area di terreno sulla quale gli stessi sono depositati…”

Cattolicesimo e Buddismo. Differenze… – La parola “cattolicesimo” dovrebbe indicare una sorta di “universalismo”, in senso religioso, in realtà non c’è una fede più settaria e chiusa  di questa. Non sto parlando del “cristianesimo” in senso stretto ma della sua forma deviata  gestita dal vaticano e dal suo papa. Il cristianesimo potrebbe ancora avere una sua dignità, in considerazione della dottrina gnostica  e dei vangeli apocrifi, mentre la cupola  papalina è un semplice  apparato di potere che nei secoli ha dimostrato le sue vere intenzioni: il dominio del mondo… – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2019/02/differenza-di-vedute-e-di-posizioni-tra.html

Commento di Mason Giacomo: “Quando il Buddha disse: “Gli eventi accadono, le azioni vengono compiute, ma non c’è nessun io che agisce”, intendeva forse che il vero agente é Dio?…”

Canada. Donne indigene contro l’estrattivismo – Scrive Maria Rita D’Orsogna: “Siamo nello stato del British Columbia del Canada, fra foreste, neve, pini e tribù di indigeni. In tutto questo idillio compaiono militari in uniforme, armi semi-automatiche, fili spinati. La guerriglia urbana in mezzo alle nevi bianche. Cosa hanno fatto quelli della tribù Wet’suwet’en per meritarsi questo, con un contorno di elicotteri, barche della polizia, arresti, lungo il fiume Morice? Il petrolio. Gli oleodotti. Il vile denaro…” – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/02/canada-donne-indigene-contro.html

Ultima spes. Lavorare “au pair” (ovvero gratis)… – Scrive Ilaria Paluzzi: “Lavorare “Au pair” è per molti giovani l’unica possibilità di fare un’esperienza in un altro paese, coltivare la liberà di viaggiare, aprire nuovi orizzonti, cercare opportunità, soprattutto muoversi, cambiare. Un’esperienza certamente ricca di senso, che può avere a volte risvolti negativi, quale ad esempio lo sfruttamento lavorativo a basso costo. Ma al di là di alcuni casi particolari, l’esperienza “Au pair” resta ancora oggi sentita come un momento di trasformazione personale…”

Denatalità in Italia. Un paradigma ostaggio della parità? – Scrive Eudonna: “In Italia nascono sempre meno figli. L’Istat certifica che il 2018 è l’anno del nuovo minimo storico delle nascite nel nostro paese e il fenomeno della denatalità sembra aver assunto ormai caratteristiche strutturali. L’indice italiano di natalità è tra i più bassi d’Europa dice Eurostat. Se ne discuterà al Senato il 22 febbraio 2019…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/02/19/denatalita-in-italia-il-calo-delle-nascite-salute-lavoro-e-maternage-un-paradigma-ostaggio-della-parita/

Ciao, Paolo/Saul

……………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Non permettere mai alla tua mente di ospitare pensieri di malattia o di limitazione: vedrai che il tuo corpo cambierà in meglio. Ricorda che la mente è il potere che governa questo corpo, quindi se la mente è debole anche il corpo diventa debole. Non intristirti o preoccuparti di nulla. Se rafforzi la tua mente non sentirai sofferenze fisiche. Non importa cosa succede, devi essere assolutamente libero nella tua mente.” (Paramhansa Yogananda)




permalink | inviato da retebioregionale il 20/2/2019 alle 6:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 2109931 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     gennaio        marzo