.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
17 maggio 2019

Per una nuova economia, la scrittura di Maometto, vegetariani per moda o vegetariani per amore?, il fascismo mascherato, organizzazione naturale bioregionale, Cantamaggio a Montecorone, Pisa: Canapisa boycottata…

Il Giornaletto di Saul del 17 maggio 2019 – Per una nuova economia, la scrittura di Maometto, vegetariani per moda o vegetariani per amore?, il fascismo mascherato, organizzazione naturale bioregionale, Cantamaggio a Montecorone, Pisa: Canapisa boycottata…

Care, cari, una nuova economia e una nuova etica politica devono nascere per accompagnare la crescita della nostra società verso forme più sostenibili in grado di lasciare alle nuove generazioni un futuro più sicuro e accogliente. Il che  significa agire a tutti i livelli della società per limitare le emissioni di combustibili fossili… (Riccardo Valentini) – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/05/per-una-nuova-economia-ed-una-nuova.html

Se l’evoluzione porta all’estinzione – Scrive Marta Frigerio: “Non siamo adatti all’era in cui viviamo. Secondo Rognini «Stiamo scoprendo che i nostri crani ospitano cervelli che danno ancora risposte ancestrali e non adattative all’era in cui viviamo. In pratica abbiamo alcuni comportamenti, residui di risposte arcaiche, che ci porteranno a distruggere il pianeta e, di conseguenza, noi stessi, realizzando così una versione del tutto inedita dell’evoluzione: l’ autoestinzione di una specie». Insomma, non siamo adatti a questa epoca e, di conseguenza, potremmo non sopravvivere…”

Kufico. La scrittura di Maometto – Scrive James Hansen: “Quando, attorno all’anno 610, Allah rivelò – tramite l’Arcangelo Gabriele – i contenuti della nuova fede islamica al suo profeta Maometto, lo fece in forma orale. Poteva bastare per i beduini della desolata landa arabica, ma la gente di città aveva altre pretese. Emerse la necessità di farne una versione unificata e scritta, il Corano. Il lavoro fu eseguito perlopiù dagli scrivani di Kufa, una città irachena sull’Eufrate a 170 km a sud est di Baghdad…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2018/05/la-scrittura-di-maometto-era-il-kufico.html

Sicomoro – Scrive Paolo Cova: “La scadenza elettorale Europea impegna il Sicomoro (http://enews2.sfera.net/_libs/tinymce/include/files/paolocova.cova@gmail.com/Sicomoro_n.6_del_15_Maggio_2019.pdf) a riflettere sulla visione politica, culturale ed etica che vogliamo dare alla nostra Europa; tutti vogliono cambiare ma serve profondità di riflessione e non semplici slogan. Alcune riflessioni sul tema dell’orientamento scolastico e sulla introduzione dell’Educazione Civica nelle scuole.”

Vegetariani per moda o vegetariani per amore? – Scrive Franco Libero Manco: “Quando qualcuno attribuisce carenze nutrizionali al sistema vegetariano-vegano e torna ad alimentarsi in modo onnivoro, dovrebbe chiedersi se nella carne, nel pesce e nei derivati animali ha trovato nutrienti assenti nel mondo vegetale. E così, se da veg non si è più responsabili della sofferenza e della morte degli animali, da onnivori si torna a versare sangue innocente, a danneggiare la propria salute, ad inquinare l’ambiente, a distruggere le foreste, ad affamare il Terzo Mondo…” – Continua:https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2019/05/16/vegetariani-per-moda-o-vegetariani-per-amore/

Macerata. Paesaggio a passeggio – Scrive Letizia Carducci: “Appuntamento il 18 maggio 2019, ore 17, davanti allo Sferisterio di Macerata, faremo una passeggiata per osservare il paesaggio intorno alle mura, in compagnia del botanico Fulvio Ventrone, anche in caso di pioggia. Sarà occasione per riconoscere le trasformazioni subite dal paesaggio agricolo nel tempo, la vegetazione originaria e gli impianti più recenti, le opere dell’uomo e l’intelligenza vegetale che prevale. Info: 3495239761?

Il fascismo mascherato – Scrive Fulvio Grimaldi: “Di fascismi ce ne sono diversi. Se la tirano da nemici, ma sono sinergici. Uno noto, scoperto, storicamente validato, con i suoi detriti a cranio rasato dell’oggi. L’altro aggiornato, ammodernato, de-ideologizzato, riciclato. Rispetto a quello precedente è come un dollaro – o euro – guadagnato vendendo glifosato Bayer-Monsanto, o eroina, o bombe prodotte in Sardegna ai sauditi, poi riciclato nell’acquisto di carburante per navi che traghettano africani in Europa.  Chiamiamolo per comodità e disinvoltura scientifica: “fascismo 2.0”…” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2019/05/il-fascismo-mascherato-20.html

Banche Centrali. La nuova corsa all’oro – Scrive Marco Bracci a commento dell’articolo https://paolodarpini.blogspot.com/2019/05/la-nuova-corsa-alloro.html -: “La corsa all’oro potrebbe essere motivata dal fatto che gli USA hanno già cominciato a stampare nuove banconote. Questi nuovi dollari saranno basati, come prima di Bretton Wood, sull’oro. Ne consegue che anche altre potenti nazioni, per fronteggiare le nuove emissioni americane, comprano oro per basare su di esso anche le loro valute e non essere spiazzati dalla valuta americana…”

La bioregione come luogo di organizzazione naturale – La bioregione può essere giustamente definita come la migliore organizzazione naturale nel rapporto tra gli individui che cooperano tra di loro e lo spazio intimamente integrato ed unitario che li circonda. Scrivono Devall & Sessions (1989): “In un’epoca nella quale organismi governativi ed economisti discutono del ‘sistema mondiale dell’economia’ e degli usi militari dello spazio extratmosferico, volgere l’attenzione alle nostre bioregioni è un atto profondamente legato alla tradizione. La bioregione è il luogo migliore in cui cominciare ad acquisire consapevolezza ecologica… – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2018/05/bioregione-come-luogo-di-organizzazione.html

Mestre. Quale futuro? – Scrive Michele Boato: “Domenica 26 maggio 2019, ore 16, presso Centro culturale CITTA’ APERTA in via Col Moschin 20, Assemblea Pubblica sulle 15 proposte per fare di Mestre una città giardino. Info: micheleboato@tin.it”

Montecorone. Cantamaggio – Scrive Giampiero Negroni: “Il 26 Maggio 2019 ci incontreremo presso l’ex scuola  di Montecorone per il Cantamaggio 2019! Faremo una passeggiata a piedi, portando la musica, come augurio primaverile per  l’annata agraria, nei poderi e nei borghi che incontreremo, chiedendo agli  ospitanti un omaggio per sciogliere la gola e poter continuare il nostro cammino…” – Continua:   https://retedellereti.blogspot.com/2019/05/montecorone-cantamaggio-del-26-maggio.html

Fossa delle Marianne. La plastica è arrivata sin qui – Scrive Wise Society: “C’è plastica pure nella Fossa delle Marianne. La scoperta a  11.000 metri di profondità è stata fatta dall’esploratore americano Victor Vescovo durante una immersione con un sottomarino nei fondali dell’Oceano Pacifico…”

Canapisa boycottata – Scrive CIR: “Due giorni fa ci è stato comunicato che non ci sarà permesso di svolgere l’annuale corteo antiproibizionista Canapisa Street Parade, e che l’unica forma che ci sarà consentita per manifestare le nostre idee sarà un presidio stanziato in piazza della stazione di Pisa. Quindi saremo il 18 maggio in piazza della Stazione per una pacifica protesta e per la libertà d’espressione…” – Continua:https://paolodarpini.blogspot.com/2019/05/canapisisa-del-18-maggio-2019-da-marcia.html

Ciao, Paolo/Saul

…………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Quando trovi il tuo posto lì dove sei, la pratica avviene…” (Dogen)




permalink | inviato da retebioregionale il 17/5/2019 alle 5:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     aprile        giugno