.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
12 giugno 2019

La teoria della pansessualità, D-Day: la “vittoria” americana, da Caravaggio a Kafka, tanatologia e post mortem, Treia: la rinascita possibile, bioregionalismo della concittadinanza, la solitudine del Dharma…

Il Giornaletto di Saul del 12 giugno 2019 – La teoria della pansessualità, D-Day: la “vittoria” americana, da Caravaggio a Kafka, tanatologia e post mortem, Treia: la rinascita possibile, bioregionalismo della concittadinanza, la solitudine del Dharma…

Care, cari, la teoria della Pansessualità non è una scoperta, dal punto di vista fisiologico, è semplicemente la descrizione di quanto avviene in natura, e cioè che la sessualità ha infinite sfaccettature che si manifestano nella vita di ognuno e differentemente in diverse culture umane. Definire l’uomo eterosessuale od omosessuale è solo una descrizione limitativa che non ha senso alcuno, allo stesso modo in cui non ha senso parlare di “razze” umane. Esiste una sola specie umana dotata di una sessualità che assume vari modi espressivi e basta… – Continua:https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2019/06/11/la-teoria-della-pansessualita-testimonianze-e-descrizione-sincretica-delle-varie-espressioni-sessuali-delluomo/

Commento di M.L.: “…in realtà siamo tutti “pansessuali” in origine, vedi antichi greci e romani, salvo poi che alla nostra natura si sovrappone la “morale” soprattutto quella ipocrita cattolica che nega ogni tipo di piacere (salvo concederlo ai preti pedofili) e dice che il sesso è solo per procreare, sai quanti e quante ne sono vittime ancora oggi…”

D-Day – Scrive P.P.: “Lo sbarco in Normandia fu accompagnato da campagne di bombardamento alleato che costarono 50.000 morti tra i civili francesi. E’ una tipica condotta di guerra statunitense, che prevede di fare preliminarmente terra bruciata con l’aviazione. E’ ciò che è avvenuto recentemente anche a Raqqa, in Siria…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/06/11/d-day-6-giugno-1944-il-giorno-della-vittoria-americana/

Commento di Anita: “E la storia la scrivono i vincitori. Come i tribunali speciali le corti di giustizia internazionali… e anche i briganti del nostro sud. Scalda il cuore leggervi di questi tempi! Grazie…”

Il bioregionalismo della concittadinanza – Scrive Giovanni Tomei: “Caro Paolo D’Arpini,  non ci conosciamo di persona, ma il bioregionalismo della concittadinanza tra cuore e intelletto va più che bene, perché così è tra consimili umani. E questo offre una speranza al catastrofismo atteso nella transizione senza speranza di cui parli prima della speranzosa conclusione…” – Continua:https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/04/il-bioregionalismo-della.html?showComment=1560270275173#c2959520674306564275

Baku. Colline del Prosecco – Scrive Gianluigi Salvador: “Il caso Colline del prosecco Conegliano Valdobbiadene verrà discusso ai primi di luglio 2019 a Baku (Azerbaijan) da parte del World Heritage Commettee UNESCO  composto da rappresentanze di Stati scelti dall’UNESCO, col compito di iscrivere o bocciare definitivamente, o rinviare, la candidatura dei siti, valutati in precedenza da una commissione “tecnica” ICOMOS. Info: gianlu.cali@libero.it”

Calcata. Da Caravaggio a Kafka, il passo è breve – così mi aveva spiegato Mauro Cremonini – giacché l’inquietudine descritta dal pittore con i pennelli e dallo scrittore con i suoi scritti è una tematica antichissima e facilmente riconoscibile in un piccolo paese come Calcata, simbolo di un mondo eterogeneo e cosmopolita. La storia dì Calcata, misteriosa e piena di colpi di scena, distruzioni, invasioni, lunghi periodi di isolamento, è molto vicina allo spirito de “Il custode del sepolcro”…” – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2015/07/calcata-il-teatrino-continua-in-scena.html

Macerata. Ruralità contadina – Scrive Letizia Carducci: “La bella stagione porta buone notizie: il prossimo fine settimana (15 e 16 giugno) a Macerata, in Piazza della Libertà partecipiamo alle iniziative organizzate da Copagri, per sostenere il mondo agricolo. Iniziative aperte a tutti e gratuite. Info: identitacontadine@gmail.com”

Tanatologia e post mortem – Scrisse Cesare Boni: “Stiamo vivendo un momento assai buio nella conoscenza  della natura dell’uomo. Si parla tanto della vita senza sapere cosa sia la vita. Quale è, domando, la natura della vita? Dove la trovo? Di che è fatta la vita? Sento pontificare sulla fine della vita. Può mai la vita finire?…” – Continua: http://paolodarpini.blogspot.com/2016/06/post-mortem-la-vita-continua.html

Mio commentino: “Disse Tolle che la maggior parte delle persone nell’ira della dipartita porta in sé troppa resistenza residua, troppa paura, troppo attaccamento all’esperienza sensoriale, troppa identificazione con il mondo manifesto. Allora vedono il “portale” dell’immanifesto e se ne allontanano con timore, quindi perdono la consapevolezza. Beh, teniamoci pronti a riconoscere la nostra vera natura almeno in quel momento…” – Continua in calce al link soprastante

Treia. La rinascita possibile – Treia è come un mosaico al quale noi diamo un aggettivo come caselle e un senso come spettatori. Tutti siamo uniti da fili più o meno sottili tra noi ed il mondo circostante, per sapere la verità basta osservare.  E per chi volesse saperne di più basta andare a chiedere alla pianta mutilata che era li e che ha sofferto e continua a soffrire. Lei non mente e parla tanto quanto noi ma non giudica… – Continua: https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2019/06/treia-la-rinascita-possibile.html

Mio commentino: “12 giugno 2019, finalmente a Treia splende il sole… Dopo giorni e giorni di pioggerelle e acquazzoni “autunnali” si scorge uno spiraglio di primavera. A dire il vero tra pochi giorni inizierà l’estate ma il “bel tempo” che tutti desiderano stenta ad arrivare. Siamo ancora in mezzo al guado!”

La solitudine del Dharma – Scrive Caterina Regazzi: “Scrivevo nel 2010: “Paolo, tu parli spesso del “dharma”. Il tuo è agire da rompighiaccio e da seminatore. Il mio, e credo di averlo capito alcuni mesi fa, è quello, nel mio piccolo, di unire le persone, farle incontrare, dando loro l’opportunità, se lo vogliono e se io “ci ho azzeccato” di conoscersi, di scambiarsi idee, esperienze, affetto, aiuto, amore e chi più ne ha più ne metta. Credo proprio sia questo il mio compito in questa “esperienza” che è la vita. E’ come se io fossi una tessitrice, ma di quelle che fanno i tappeti persiani, o le reti da pesca (mi vengono queste due immagini). Io faccio qualche nodo e a volte mi riesce, a volte vengono dei groppi oppure il nodo è troppo sottile e si lacera o non tiene…” – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2016/04/scrivevo-nel-2010-paolo-tu-parlispesso.html

Ciao, Paolo/Saul

……………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“…la verità intrinseca non può essere trasmessa, può essere solo riconosciuta quando appare evidente per diretta esperienza. L’unico modo per -in qualche modo- lasciarla trapelare è viverla come un fatto senza cercare di dimostrarla.” (Saul Arpino)




permalink | inviato da retebioregionale il 12/6/2019 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 2233604 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     maggio