.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
22 luglio 2019

La Luna ed il Sole nella società umana

Il Giornaletto di Saul del 22 luglio 2019 – La Luna ed il Sole nella società umana, la civiltà della Dea, una società ideale bioregionale, disinteresse dei politicanti per le tematiche ecologiste, Guiglia: eventi a Casa Val di Sasso, alimentazione sostenibile, making peace with the Earth…

Care, cari, il 20 luglio 2019 abbiamo partecipato, Caterina ed io, ad una manifestazione sull’”Allunaggio”, ovvero la ricorrenza dei cinquanta anni della discesa sul suolo lunare di alcuni esseri umani (almeno così dice la storia ufficiale). Ascoltando i vari discorsi tenuti nelle piazzette di Montecorone da vari poeti e commentatori dell’associazione “Risorgimonte” si è parlato anche del paragone nell’immaginifico popolare del rapporto tra “Il Sole e la Luna”. Ovviamente in riferimento al maschile ed al femminile, presente in ognuno di noi, ma anche riguardo ai diversi modi espressivi manifestati nei due generi. Un commento in particolare ha colpito la mia fantasia “guardare il sole acceca la vista mentre guardare la luna ispira i poeti”. Infatti di canzoni sulla luna ce ne sono a bizzeffe mentre sul sole ben poche… – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2019/07/21/la-scala-evolutiva-tra-matriarcato-e-patriarcato-i-diversi-modi-descrittivi-della-convivenza-fra-esseri-umani/

Nota: “…la nostra specie e la società umana hanno bisogno di riscoprire l’unitarietà della vita che si manifesta nei suoi diversi aspetti. Il Sole e la Luna. Femminile e Maschile, entrambi necessari come i due poli (positivo e negativo) che trasmettono la corrente della vita…”

La civiltà della Dea rivisitata – Il traguardo spirituale dell’ecologia profonda è quello di inserire nella quotidianità lo stimolo alla ricerca ed alla riflessione spirituale integrandolo con gli aspetti laici della nostra esistenza. Una considerazione che ritengo utile portare in luce è quella del riallineamento con i canoni della natura. Infatti malgrado la dovizia di doni benefici offerti alla vita di ognuno la Terra sta riflettendo il grande cataclisma di una umanità che vuole ribellarsi alla vita. Il riallacciarsi all’aura della Terra è il dovere al quale noi umani siamo chiamati… – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2016/07/la-civilta-della-dea-di-marija-gimbutas.html

Commento di M.D.G.: “Oggi possiamo dire forse quali sono le cose che si celano dietro le narrazioni femministe. Presumo che ogni cultura ancestrale abbia edificato valori orientamenti e norme secondo una simmetria di genere, la difficoltà è nostra nel comprenderli! Avevo letto anni addietro lo sfogo della Gimbutas sulla appropriazione dei suoi studi da parte del movimento femminista e le sue precisazioni in merito, giustamente la Eisler – per recuperare ha cercato di edificare una teoria gilanica, ma resta vittima di un fraintendimento ideologico di fondo…”

Verso una società ideale bioregionale – Noi bioregionalisti ed ecologisti profondi stiamo tutti lavorando, sia pure in modo disgiunto e differenziato, ad un cambiamento della società. In generale, per come capisco dalle situazioni in cui mi vengo a trovare sembra molto difficile poter trovare sinergie d’intenti e collaborazione disinteressata. Ciò è dovuto al fatto che ognuno di noi si è fatto un’idea particolare di quelle che debbono essere le priorità per attuare questo “cambiamento”… – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2018/07/verso-lattuazione-di-una-comunita.html

Governanti e malattie – Scrive Roberto Tumbarello: “ …a preoccupare i tedeschi – ma anche l’Europa – è la salute di Angela Merkel. La Cancelliera è spesso aggredita, persino nelle cerimonie ufficiali, da un tremore irrefrenabile che dura alcuni secondi. Si ostina a nascondere la verità: dice di stare bene e di non correre pericolo. Però, quando riceve un ospite straniero, ascolta gli inni nazionali seduta in poltrona. Così non si nota se trema e si assicura pure che nessuno gliela porti via…”

Disinteresse dei politicanti per le tematiche ecologiste ed alimentari – Scrive Franco Libero Manco: “Come è possibile tanta ristrettezza di percezione? Come non valutare l’inarrestabile ampliamento della “famiglia” dei vegetariani e ambientalisti? Come non considerare la mattazione, la caccia, la vivisezione, la pesca settori destinati a sparire nel giro di pochi decenni perché il pianeta terra non ha la possibilità di nutrire un popolo di carnivori? Come è possibile che la classe politica ignori l’importanza di quest’enorme serbatoio di voti e si lasci condizionare da organismi ormai al declino?” – Continua:http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/07/21/universalismo-e-diete-non-violente-nel-disinteresse-dei-politicanti/

Mio commentino: “Lasciamo che gli animali vaghino liberi sulla terra e non facciamo del nostro stomaco un cimitero…”

Alimentazione sostenibile… – Scrive Caterina Regazzi: “Un discorso che si sente spesso, da parte dei “carnivori” è: “gli allevamenti intensivi hanno ragione di esistere perché siamo tanti (specie umana) su questa terra e tutti hanno “diritto” di mangiare carne”. Si, ma può essere un diritto che l’uomo possa tenere animali in maniera non conforme alle necessità biologiche ed etologiche delle specie allevate, inquinando l’ambiente con gli effluenti degli allevamenti, che oltretutto possono essere contaminati da residui di sostanze dannose, come gli antibiotici, i detergenti utilizzati per pulire, i disinfettanti? O questo non è piuttosto un “delitto”?…” – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2019/07/ecologia-alimentare-diritti-e-delitti.html

Il totem democratico – Scrive C.M.: “La parola “democrazia” è un totem, una grande illusione. un miraggio e una divinità. Aristotele diceva che la democrazia degenera facilmente in demagogia. Berlusconi diceva che l’italiano ha la capacità di comprensione dei concetti di un ragazzino, e l’Istat dice che 7 italiani su 10 sanno leggere ma non capiscono il senso di quello che leggono. Al popolo puoi far dire o pensare quello che vuoi: basta avere il controllo dei media…”

Guiglia. Eventi culturali a Casa Val di Sasso – Scrive Maria Bignami: “Il 27 luglio a Casa Val di Sasso, Giorgio Siligardi propone: Efficacia e graduatoria sulle medicine. L’animo, la psicologia e il corpo umano. Il 28 luglio William Vescovini propone “PARLACI DI TE”. Eventi della tua vita che ti fa piacere condividere…” – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2019/07/guiglia-27-e-28-luglio-2019-eventi.html

5 Terre Art Festival – Albe e Tramonti 2019 – Scrive Luca Natale: “La terza edizione del 5 Terre Art Festival – Albe e Tramonti, prodotto da Teatro Pubblico Ligure con la direzione artistica di Sergio Maifredi, avrà luogo dal 24 luglio all’8 agosto 2019, nel Parco Cinque Terre. Info: luca.natale@parconazionale5terre.it”

Nonviolence and making peace with the Earth… – Bioregionalism and nonviolence are an active contradiction, their implementation is immersed in contradiction, another thing is “formal coherence” … that descriptive formality, which adapts to the demands of “growth” and consolidated customs… – Continue (con testo italiano):
https://bioregionalismo.blogspot.com/2019/07/bioregionalism-nonviolence-and-making.html

Ciao, Paolo/Saul

………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Per comprendere il mondo la poesia è necessaria quanto la scienza…” (Henry Beston)




permalink | inviato da retebioregionale il 22/7/2019 alle 6:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     giugno        agosto