.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
14 ottobre 2019

Adesioni alla Rete Bioregionale Italiana, Genova: Pentàgora al Book Pride, giù le mai dalla Siria, Mitra: il Dio dei patti, la stimolazione magnetica modifica la moralità, dall’empirismo allo scientismo…

Il Giornaletto di Saul del 14 ottobre 2019 – Adesioni alla Rete Bioregionale Italiana, Genova: Pentàgora al Book Pride, giù le mai dalla Siria, Mitra: il Dio dei patti, la stimolazione magnetica modifica la moralità, dall’empirismo allo scientismo…

Care, cari, riporto qui di seguito il documento d’intesa della Rete Bioregionale Italiana. Per bioregionalismo si intende la volontà di ri-diventare nativi del proprio luogo, della propria bioregione. Possiamo fare tutte le scoperte possibili, usare la tecnica, la scienza; possiamo andare sulla luna e comunicare via satellite, ma alla base della nostra sopravvivenza fisica, psichica e spirituale vi sono questi alberi, queste erbe, questi animali, queste acque, questo suolo del luogo dove viviamo. L’evoluzione sociale e tecnologica è ecologicamente compatibile solo in “piccola scala”, localmente, e se rimane ancorata ad una visione olistica del sapere…. – Continua: http://www.lteconomy.it/blog/2019/10/13/bioregionalismo-documento-di-intesa-della-rete-bioregionale-italiana/

P.S. Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana è sufficiente sottoscrivere il presente documento inviando una email di conferma a bioregionalismo.treia@gmail.com

Genova. Book Pride – Scrive Massimo Angelini: “Da venerdì 18 a domenica 20 ottobre 2019, a Genova (Palazzo Ducale) si terrà il Book Pride 2019, Fiera dell’editoria indipendente, alla quale partecipiamo fin dalla prima edizione con una soddisfazione di pubblico e di attenzione che in altre fiere dello stesso genere non abbiamo conosciuto. Quest’anno cureremo uno stand doppio, con tutto il nostro catalogo…” – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2019/10/genova-dal-18-al-20-ottobre-2019.html

Le riforme italiane – Scrive Roberto Tumbarello: “Maria Cazzetta era una popolana romana non proprio perspicace. Anzi, un po’ lenta. Ecco perché tutto ciò che riesce male si paragona alle sue imprese e ne prende il nome. La nuova mise della nazionale italiana di calcio, per esempio, è tipica della de cuius. D’ora in poi gli azzurri indosseranno una maglia scura che ricorda la divisa dei nostri soldati a Caporetto. Dovremo chiamarli ‘verdi’? È una riforma incomprensibile, contro la tradizione, che annulla più di un secolo di storia. Vuoi vedere che il designer si è ispirato alla lotta contro le emissioni di CO2? Oddio, ancora quella Greta tra i piedi!…”

Giù le mani dalla Siria – Il WPC e FPLP, condannando l’aggressione turca chiedono il ritiro delle forze di occupazione straniera, sostenendo il diritto sovrano del popolo siriano di decidere liberamente il proprio destino per il suo futuro. Esprimiamo la nostra solidarietà al coraggioso popolo siriano, alle forze antimperialiste in Turchia e chiediamo di intraprendere azioni e iniziative per condannare l’aggressione in corso” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2019/10/13/wpc-giu-le-mani-dalla-siria/

Commento di V.B.: “La Turchia sta invadendo uno stato sovrano: la Siria, cui va espressa la nostra solidarietà. Ciò purtroppo è dovuto anche agli errori passati degli stessi Curdi che si sono alleati con gli Americani ed Israele ed hanno occupato con l’aiuto americano tutta la parte nord-orientale della Siria indebolendo lo stato siriano e mettendone in pericolo l’integrità e l’indipendenza. Oggi pagano il prezzo dei loro errori. Quindi condanna dell’attacco turco e solidarietà alla popolazione curda, ma anche solidarietà allo stato siriano invaso, la cui indipendenza ed integrità va preservata…”

Mitra, il Dio dei patti – Mitra era un dio-guerriero di origine indo-iranica. Era anche il dio che custodiva i patti. Questi due aspetti lo rendevano oggetto di particolare venerazione tra i legionari romani. Nella tradizione indo-iranica il dio combatteva accanto al dio del Bene, Ahura Mazda, nella guerra cosmica contro il dio del Male, Ahriman… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/12/ariani-versus-giudei-e-lotta-per-la.html

Roma. Manifestazioni “pacifiste” di dubbia matrice – Scrive E.B.: “A Roma si è svolta un’ennesima manifestazione a sfondo mono-etnico, osannata dai media e da tutti i partiti, incentrata solo sui “poveri curdi” . Si nascondeva il fatto che il paese invaso è la Siria, dove convivono pacificamente da secoli e millenni molte etnie (Arabi, Assiri, Armeni, Turcomanni, Curdi) e molte religioni (Cristiani di varie Chiese, Musulmani sunniti, sciiti, Alawiti, Drusi, Yazidi, ecc.). Vari compagni di NO WAR ROMA non hanno partecipato o si sono tenuti ai margini, come Marinella, perché non erano d’accordo e/o per non creare incidenti. Auspico che No War – di cui faccio parte – faccia un comunicato su tutta questa vicenda…”

Mio commentino: “Concordo assolutamente con la richiesta di E.B.”

Modificazione della moralità attraverso la stimolazione magnetica – Scrive Giuseppe Altieri: “…questo tipo di stimolazione potrebbe essere incorporata in oggetti di uso comune nel prossimo futuro, come una nuova generazione di computer in grado di leggere il pensiero, oppure altri “innocui” giocattoli per bambini che leggono le onde cerebrali, per non parlare del possibile utilizzo tramite nuovi telefoni cellulari appositamente modificati; interessante a questo proposito constatare che la zona individuata è “appena dietro e sopra l’orecchio destro”, zona che è molto vicino a dove noi teniamo solitamente il cellulare quando stiamo parlando… – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2019/10/13/modificazione-della-moralita-attraverso-la-stimolazione-magnetica/

Milano. “Kids of Hebron” – Scrive Croce Rossa Italiana. Comitato di Milano: “Proiezione in anteprima “L’infanzia negata dei ragazzi di Hebron”. Ingresso Gratuito. 14 ottobre 2019, ore 18:30 – 22:00, presso Anteo City Life, 1 Piazza Tre Torri, Milano. Info: pediatria.alazar@gmail.com”

Dall’empirismo allo scientismo – Scrive Simon Smeraldo: “I simboli che offre la natura non sono casuali, né fini a se stessi, ma rappresentano realtà pertinenti ad un altro ordine di cose, quello non visto, ma più sostanziale. Essi sono stati modellati sulla psiche umana, affinché essa potesse percepire in modo mediato realtà superiori: nel caso del Sole che gira intorno a noi la coscienza di un progetto, di un’intelligenza il cui fine è “illuminare” l’uomo (non nel senso illuminista) fornirgli luce, calore e quell’energia che lo può elevare verso stati più alti dell’essere…” – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2016/12/dallemipirismo-allo-scientismo-e.html

Ciao, Paolo/Saul

……………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Nell’infinito-eterno non esiste né centro né periferia, né inizio né fine, né creazione né distruzione” (P.D’A.)




permalink | inviato da retebioregionale il 14/10/2019 alle 5:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     settembre        novembre