.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
6 agosto 2020

Video schermi nocivi, scuola riformatorio, Beirut: il nitrato d’ammonio e la manina di sion, schiavi più bianchi che neri, covid-19 e dati secretati…

Il Giornaletto di Saul del 6 agosto 2020 – Video schermi nocivi, scuola riformatorio, Beirut: il nitrato d’ammonio e la manina di sion, schiavi più bianchi che neri, covid-19 e dati secretati…

Care, cari, dato che la pandemia da Covid 19 ha elevato in maniera drastica la durata di esposizione allo schermo non solo nel tempo trascorso a casa, ma anche nelle attività scolastiche, emerge qui un’urgente necessità di riflettere su cosa dobbiamo ai bambini in particolare nei primi nove anni di vita, in cui lo sviluppo senso-motorio e la collegata maturazione cerebrale sono assolutamente in primo piano… (Michaela Glöckler) – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2020/08/leccessiva-esposizione-ai-video-schermi.html

P.S. – Aiutateci a conquistare 100.000 sostenitori per la nostra petizione. Si tratta di impegnarsi a favore del mantenimento della libertà di scelta in Europa.

Se la scuola diventa un riformatorio… – Scrive J.E.: “Nelle piazze i bambini giocano, si rincorrono, si abbracciano. È bellissimo, è la vita. Ma a scuola scatta la finzione. Tutti isolati, mascherati, in banchi singoli. Con ospedali vuoti e virus ormai curabile, si umiliano i bambini. Per non parlare degli adolescenti, che…” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2020/07/la-nuova-scuola-come-istituto-di-ri.html

Moje di Treia. Festa dell’Acquacotta dell’8 agosto 2020 – Aggiornamento: https://treiacomunitaideale.blogspot.com/2020/07/reia-contrada-moje-8-agosto-2020.html?showComment=1596640650627#c1651409514727542256 – La Festa dell’Acquacotta sarà arricchita da declamazioni poetiche a cura di Rosario Colaci, Andrea Biondi e Maurizio Angeletti. Vista la complessità degli eventi in programma si prega di giungere in perfetto orario, inizio della manifestazione ore 18 – Telefonare per annunciare la propria presenza al 348.7255715 – Grazie!

Beirut. Nitrato d’ammonio e la manina di sion – Le due esplosioni che il  pomeriggio del 4 agosto 2020 hanno devastato Beirut potrebbero essere il frutto di un piano di sabotaggio di Israele. Lo riporta l’agenzia italiana Adnkronos citando fonti di Hezbollah. Il partito sciita del Libano ritiene possibile una responsabilità israeliana nelle potenti deflagrazioni esplose nel deposito 12 del porto della città…” – Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2020/08/beirut-il-nitrato-dammonio-e-la-manina.html

Commento di Marinella Correggia: “Paolo, dobbiamo riflettere sul fatto che la tragedia a Beirut ha avuto come base il nitrato di ammonio che è al tempo stesso un fertilizzante x agricoltura chimica e un esplosivo… del resto bellica è stata l’origine dei fertilizzanti. E pensa che ai.pesticidi ed erbicidi…l ‘agente.orange… Niente da fare, solo dai vegetali al naturale verrà la salvezza dell’umanità…”

Schiavi. Più bianchi che neri… – Gli storici hanno studiato tutti gli aspetti della schiavitù degli africani ad opera dei bianchi, ma hanno ampiamente ignorato la schiavitù dei bianchi da parte dei nord africani. Quella degli schiavi cristiani con padroni musulmani è una storia documentata e scritta chiaramente di ciò che il prof Davis chiama «l’altra schiavitù», sviluppatasi all’incirca nello stesso periodo del commercio transatlantico, e che ha devastato centinaia di comunità costiere europee… – Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2017/12/storia-degli-schiavi-bianchi-in-africa.html

Nuove restrizioni democratiche – Scrive M.O.: “Col pretesto delle psicosette, si parte da A e si arriva a Z, con una bella proposta di legge che fra le altre cose, include il reato per istigazione alla rinuncia o al rifiuto dei trattamenti sanitari… https://www.ilgazzettinovesuviano.com/2020/08/02/arriva-il-reato-di-istigazione-alla-rinuncia-o-al-rifiuto-dei-trattamenti-sanitari/?fbclid=IwAR3rgRtpA_Q56RatVPcx-nPGP7VHPQ97a3oFdrCpucmVZFhhHn9QQYUGpUQ In maniera che nessuno possa più dire la sua a riguardo, per legge. Quindi un ricercatore o medico o scienziato che voglia esprimere dubbi o perplessità sul vaccino per il covid, o qualunque altro, per esempio, vedi che tempismo… a meno che non voglia essere incriminato e perseguito penalmente, meglio che taccia perché esprimere un parere negativo sarà visto come istigazione al rifiuto del trattamento sanitario. Ma è la Costituzione che sancisce persino il diritto del malato a rifiutare le cure. Io osservo e provo smarrimento. Giuro. Per quanto mi riguarda, chiunque voglia decidere al mio posto a quali trattamenti sanitari sottopormi senza il mio consenso lo dovrà fare sopprimendomi. Come facevano i nazisti…”

Covid-19. Dati secretati – Scrive Silvia Brizzi: “La questione dell’accesso, sia ai verbali del CTS sia ai dati della pandemia, non è meramente formale, ma ha a che fare con la stessa tenuta democratica del sistema. In Italia, le libertà fondamentali hanno subìto forti restrizioni, in forza di provvedimenti legislativi adottati sulla scorta dei verbali del Comitato Tecnico Scientifico, il cui accesso ai cittadini è stato negato” – Continua: https://retedellereti.blogspot.com/2020/08/lemergenza-covid-19-e-i-verbali-del-cts.html

Ciao, Paolo/Saul

……………………………….

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Scopri tutto ciò che non sei. Corpo, sentimenti, pensieri, idee, tempo, spazio, essere e non essere, questo o quello – niente di concreto o astratto che puoi indicare sei tu. Una semplice dichiarazione verbale non va bene — si può ripetere una formula all’infinito senza alcun risultato.” (Nisargadatta Maharaj)




permalink | inviato da retebioregionale il 6/8/2020 alle 5:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     luglio        settembre