.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
19 settembre 2020

Paesaggi bioregionali mutanti, Face-Book: punisce Saul Arpino, Palestina: ecologia di guerra, compagni di viaggio, meno parlamentari più duci, tu sei il Buddha!…

Il Giornaletto di Saul del 19 settembre 2020 – Paesaggi bioregionali mutanti, Face- Book: punisce Saul Arpino, Palestina: ecologia di guerra, compagni di viaggio, meno parlamentari più duci, tu sei il Buddha!…

Care, cari, l’uso del termine ecoregione o bioregione è conseguenza del rinnovato interesse negli ecosistemi e nel loro funzionamento e, in particolare, di numerose ricerche relative alla scala spaziale nello studio della gestione dei paesaggi. È ormai ampiamente riconosciuto che sistemi interconnessi si combinano per formare un insieme che è “più grande della somma delle parti”. Molti sono i tentativi in atto per gestire gli ecosistemi in modo integrato per ottenere paesaggi “multifunzionali”, e vari gruppi di interesse, dai ricercatori agronomi agli ambientalisti, stanno iniziando ad usare l’ecoregione o bioregione come unità territoriale di analisi e pianificazione. (Paesaggi Mutanti) – Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2015/12/bioregionalismo-come-metodo-descrittivo.html

Corrispondenze. Facebook “punisce” Saul Arpino – Scrive Michele Rallo a commento dell’articolo – https://saul-arpino.blogspot.com/2020/09/facebook-caccia-saul-arpino-dal-limbo.html?showComment=1600454799173#c5126358946690275318 – Ma perché non organizziamo una bella campagna di boicottaggio? Seria, fatta bene, in grado di “far male” sul serio. Non da soli, naturalmente. Ma insieme trasversalmente ai tanti altri che sono stati censurati da quei gentiluomini…”

Mio commentino: “Da parte mia ho già cominciato, abbandonando al suo destino, ovvero lasciando come “morto” il profilo di Saul Arpino… che può essere visto da tutti gli amici ma nel quale io non posso entrare. Attraverso un altro profilo ho postato un commento in cui spiego tutta la vicenda. Questo processo di distacco dal gossip di FB è legato ad una lenta presa di coscienza collettiva… intanto possiamo restare in mezzo alla corrente a fare da battistrada… ovvero quel che ci è possibile fare in questo momento!”

Scrive Gianfranco Florio: “Ciao Paolo, colgo l’occasione di questa triste conferma di come, ancora una volta, una parte di umanità si adopera per sottometterne un’altra, per ringraziarti di tutte le notizie che diffondi, l’incoraggiamento che ci dai a resistere costruendo alternative e salutarti con affetto anche se non ci conosciamo di persona.  Ti abbraccio, (p.s: non sono più su FB da anni)”

Commento di Lorenzo Merlo: “Il diversivo agisce. Ti abbraccio.

Commento di Olivier Turquet: “Paolo, capisco il tema. L’arroganza di fb è conosciuta. Se dipendesse da me io lo boicotterei e basta. Buona fortuna e se hai bisogno fai un cenno…”

Commento di Paola Turrini: “Caro Paolo,mi spiace molto e fatico a capire il senso di questo ostacolarti…”

Mia rispostina: “Cara Paola, la cosa più sorprendente è che ad essere colpiti dalla censura di Facebook sono in particolare i blog che si occupano di ecologia profonda, bioregionalismo e spiritualità laica… (ovvero Saul Arpino, Bioregionalismo Treia, La Rete delle Reti e Bioregionalismo) il che mi fa sospettare che veramente questi argomenti, per come vengono da me trattati, diano un gran fastidio al sistema…”

Commento di Vito De Russis: “Subito dopo aver ricevuto la informazione dal seguente link - https://saul-arpino.blogspot.com/2020/09/il-giornaletto-di-saul-del-15-settembre.html – ho cercato di farla girare in facebook.  Era diventato un rito: al primo blocco rispondo NO; al secondo blocco rispondo NO; elimino quel link e l’invio riesce. Certamente quella procedura è in automatico. Da profano ritengo che tutti quei NO restino registrati. Buona salute.

Palestina. Ecologia di guerra e ricerca sulla salute infantile e sui metalli pesanti – Scrive Zambon Verlag: “Ci vuole tempo per dipanare la ecologia di guerra in Palestina: cambiamenti di lungo termine nella quantità di metalli pesanti nelle madri, neonati e bambini e tappe dello sviluppo a 6 mesi e 18 mesi dopo gli attacchi militari del 2014…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2020/09/18/ricerca-sulla-salute-infantile-a-gaza/

Sabra e Chatila – Scrive Grazia Zacchi: “A integrazione di quanto pubblicato qui: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/09/15/per-non-dimenticare-35-anni-fa-il-massacro-di-sabra-e-chatila/ – Nella strage degli innocenti di Sabra e Shatila furono massacrati migliaia di civili non solo palestinesi ma anche libanesi sciiti. L’Assemblea delle Nazioni Unite lo ha definito “genocidio“. È in quell’anno che nasce Hezbollah come milizia durante il conflitto, rafforzando in seguito il proprio ruolo in tutto il Paese dei Cedri. Per chi volesse approfondire segnalo due film interessanti: Valzer con Bashir e L’Insulto…”

“Compagni di Viaggio” di Paolo D’Arpini – Recensione di Lorenzo Merlo del libro che viene presentato a Treia il 26 settembre 2020, ore 16.30 nella Sala Ex Ipsia: “Paolo D’Arpini è per alcuni italiani un riferimento spirituale certo e concreto da diversi anni. I suoi diversi blog, la sua newsletter quotidiana, le sue iniziative ecologiste, la sua ricerca sulla SpiritualitàLaica (modo di essere), l’EcologiaProfonda (modo di concepire la natura/il divino) e il Bioregionalismo (modo di concepire la socialità) – tre riflessi fisici e metafisici originati dalla medesima consapevolezza – ne sono espressione. Tuttavia, di cosa sia fatta la Spiritualità laica, a cosa corrisponda e a cosa alluda, ancor più che nel breve saggio delle pagine finali, in cui Paolo delinea i suoi tre cavalli di battaglia, si vede, si legge, si percepisce nelle righe di tutto il suo libro. Compagni di viaggio, per quanto maggiormente dedicato alla Spiritualità laica, tratta necessariamente anche di Natura e Società…” – Continua: https://www.ereticamente.net/2020/03/compagni-di-viaggio-un-libro-per-essere-linfinito-lorenzo-merlo.html

I valori umani sono universali? – Scrive Spiritual: “Fondamentalmente, diamo lo stesso valore alle stesse cose? Secondo il team di ricercatori della Cardiff University diretto da Paul Hanel che ha pubblicato uno studio su Frontiers in Psychology, l’immigrazione sta provocando dei conflitti nella scala di valori delle persone…”

Meno parlamentari, più duci… – Scrive Fulvio Grimaldi: “Quanto alla riduzione dell’oltre 36,5% dei parlamentari, a 600, mi viene da sghignazzare se penso agli spiccioli dei 57 milioni risparmiati all’anno, a fronte di quanto sarebbe stato quantitativamente, ma soprattutto qualitativamente, più valido e redditizio il taglio di almeno metà degli emolumenti di questi rappresentanti delle rispettive segreterie. Senza neanche parlare dei dobloni rifilati, sotto e sopra banco, alla famigliola dei clienti e sponsor…” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2020/09/meno-parlamentari-piu-duci.html

Annotazione dell’autore: “Intanto non mi fido più dei Cinque Stelle parlamentari, neanche per accompagnarmi ad attraversare la strada. Col rischio che mi metta sotto quel TAV cui hanno concesso libero transito in Val di Susa. Non mi fido più di coloro che, in combutta con la cialtroneria politico-sociale-culturale storica con la quale giocoforza convivevamo bene o male, ci hanno chiuso tutti nella gogna di un virus. Virus nutrito a tamponi fasulli che lo trovano dove non c’è ed è mantenuto in vita dall’Intelligenza Artificiale, cosiddetta.”

Non c’è nulla da fare – Tu sei il Buddha! Sei la libertà stessa! Smettila di sognarti schiavo! Smettila di dirti quella bugia! Smettila di fingere di essere qualcuno o qualcosa! Non sei nessuno, non sei niente! Non sei questo corpo o questa mente. Questo corpo e mente esistono all’interno di chi e cosa sei. Sei pura coscienza, già libera, sveglia e liberata. Alzati ed esci dal tuo sogno… – Continua con testo bilingue: https://bioregionalismo.blogspot.com/2020/09/you-are-buddha-there-is-nothing-to-be.html

Ciao, Paolo/Saul

………………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Tutta l’esistenza è a parole. Quindi, va oltre le parole. Comprendi gli affari mondani come irreali, e poi non ne soffrirai.” (Nisargadatta Maharaj)




permalink | inviato da retebioregionale il 19/9/2020 alle 13:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 2644601 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     agosto        ottobre