.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
20 gennaio 2021

Tecnologia e rifiuti, declassamento e censura sul bioregionalismo, alimentazione per la crescita spirituale, ricapitolando tra fisica e metafisica, evoluzione della specie…

Il Giornaletto di Saul del 20 gennaio 2021 – Tecnologia e rifiuti, declassamento e censura sul bioregionalismo, alimentazione per la crescita spirituale, ricapitolando tra fisica e metafisica, evoluzione della specie…

Care, cari, i rifiuti delle apparecchiature elettriche ed elettroniche continuano a costituire uno dei flussi di rifiuti in più rapida crescita in tutto il mondo, anche a causa dell’obsolescenza programmata e della scarsa possibilità di riparazione di molti di questi apparecchi. Nonostante gli sforzi compiuti a livello europeo, la quantità di rifiuti prodotti non è in diminuzione: ogni anno nell’Unione le attività economiche generano complessivamente 2,5 miliardi di tonnellate di rifiuti, equivalenti a 5 tonnellate pro capite… (Arpat) – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2021/01/tecnologia-elettronica-e-rifiuti.html

Roma. Azioni pro Yemen – Scrive Marinella Correggia: “Rete No war per quanto minuscola, fra il 2015 e il 2017 fu l’UNICA ad agire sullo Yemen. Adesso come potete vedere qui https://www.stopwar.org.uk/world-says-no-to-war-on-yemen-25-jan-2021/, il 25 gennaio è la giornata di azione in molti paesi. Chiedendo i permessi, chi sarebbe disponibile a qualcosa, direi a Campo de’ Fiori o al Colosseo? Anche solo un flashmob da far girare… Info: mari.liberazioni@yahoo.it”

Censura e declassamento – Non bastava la censura su Facebook, che impedisce la condivisione dei nostri blog che trattano temi bioregionali, ho scoperto che cliccando la parola “bioregionalismo” su Google il nostro blog “Bioregionalismo Treia” risulta pesantemente declassato. Forse uno di questi motivi l’ho individuato rivedendo un vecchio post del 2011 in cui comparivano delle previsioni su “situazioni” che ora si stanno avverando. Ad esempio vi è detto: “Pandemie. Preparatevi per altre influenze a sorpresa che porteranno a vaccinazioni obbligatorie: una elegante opportunità per infilare di nascosto dei chip RFID e verificare il funzionamento di virus intelligenti che hanno come bersaglio dei tratti specifici del DNA. Virus selettivi a livello razziale ed etnico quale parte di campagne di depopolazione di massa? Ed a riprova dell’allarme da noi lanciato nel 2011 ora appare una conferma dal sito di Ansa-Economia che dice: “Wef, ignorato allarme pandemia per 15 anni” Report del world forum in vista di Davos…”- Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2021/01/bioregionalismo-facebook-lo-censura-e.html?showComment=1611073713828#c5418162185668721083

Commento di S.G.: “Al momento il bioregionalismo è un concetto espresso da una parola di uso tra gli esperti del settore. Sarebbero più utili le conferenze in tutti gli atenei, nelle facoltà di architettura agraria, lettere, economia, geografia urbana, antropologia, innovazione. Usate come motore Ecosia e smettete le ricerche su google…” – Mia rispostina: è dal 1996, anno della fondazione della Rete Bioregionale che abbiamo organizzato conferenze, incontri convegni, etc. per promuovere il bioregionalismo e fornito suggerimenti politici, sociali ed amministrativi sull’attuazione bioregionale. Purtroppo è stata preferita la fazione dei raccontini americani in cui si fanno solo “evocazioni poetiche”, che non infastidiscono il sistema… Qui una carrellata di miei interventi susseguitisi negli anni: https://www.google.com/search?q=bioregionalismo+e+rete+bioregionale+paolo+d'arpini&oq=bioregionalismo+e+rete+bioregionale+paolo+d'arpini&aqs=chrome..69i57j33i160.11449j1j15&sourceid=chrome&ie=UTF-8 …- Credi che gli amici di Ecosia, che nemmeno ci nominano, non siano a conoscenza di tutto ciò, o forse hanno scelto l’altra fazione? Giusto per far chiarezza….”

Commento di BBUS: “L’oro ce l’avevano detto e noio non li abbiamo ascoltati. E adesso sono tutti azzi nostri!”

L’importanza di una sana alimentazione per la crescita spirituale – Anche i primi cristiani erano vegetariani. E lo furono anche i veri Padri della Chiesa, come San Giovanni Crisostomo, San Girolamo, Tertulliano, San Benedetto, Clemente, Eusebio, Plinio e molti altri. Anche in seguito alcuni santi cristiani sono stati vegetariani. Basti pensare al più famoso di tutti, San Francesco, il quale, nel suo amore per tutte le creature viventi, si nutriva solo di pane, formaggio, verdure e acqua di fonte… – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2021/01/19/limportanza-di-una-alimentazione-naturale-per-la-crescita-spirituale/

Mario Monti parla – Scrive Giorgio.: “Grande Reset in progress: Mario Monti propone di favorire la chiusura delle attività in difficoltà. Pazienza, se manca il pane mangeremo brioches…”

Ricapitolando tra fisica e metafisica – Scrive Lorenzo Merlo: “Ricapitolare non è un fatto intellettuale. Esso è l’avvento di un cambio di paradigma con il quale interpretare il mondo. Accettare la vita alza il “rischio” di migliorarla. Non si tratta dunque di mirare alla santità, ma semplicemente di ricapitolare gli eventi della vita secondo un parametro di accettazione e di assunzione della responsabilità…” – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2021/01/ricapitolando-tra-fisica-e-metafisica.html

Mio commentino: “Come diceva il saggio, la responsabilità è la capacità di fornire adeguata risposta alle situazioni contingenti in cui ci si trova…”

Evoluzione della specie, attraverso le due forme di intelligenza quella analogica e quella logica – Scrive Caterina: “Mi chiedo, in base a quello che dice Paolo e non solo, come mai se le donne all’epoca del matriarcato sceglievano i maschi in base alle qualità positive di questi, come la solidarietà, la cura verso la prole, la disponibilità, il senso di appartenenza alla comunità, e io ci metterei la capacità di proteggere la comunità e la capacità di procacciare il cibo, allora come mai poi c’è stato questo cambiamento di rotta verso il patriarcato? – Risponde Paolo: “ La domanda di Caterina è molto significativa… e merita un’accurata risposta. Ma allo stesso tempo non può essere una risposta esaustiva e definitiva perchè nel rispondere su questo tema si mettono in gioco energie che sono ancora in movimento. L’evoluzione mentale della nostra specie, come diceva lo stesso Ramana Maharshi, non ha mai fine…” – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2021/01/parita-di-coscienza-nella-differenza-di.html

Ciao, Paolo/Saul

……………………..

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Domani, e poi domani, e poi domani, il tempo striscia, un giorno dopo l’altro, a passetti, fino all’estrema sillaba del discorso assegnato; e i nostri ieri saranno tutti serviti a rischiarar la via verso la morte… a dei pazzi!” (William Shakespeare)




permalink | inviato da retebioregionale il 20/1/2021 alle 7:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     dicembre        febbraio