.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
22 luglio 2021

Vivere nel “male” della civiltà, luna piena a Marano, il paese dei balocchi sta chiudendo, penitenziario per i renitenti al vaxxino, Yogi Ramsurat Kumar, Cartabia: controriforma pro ingiustizia, la differenza tra “noi” e “loro”…

Il Giornaletto di Saul del 22 luglio 2021 – Vivere nel “male” della civiltà, luna piena a Marano, il paese dei balocchi sta chiudendo, penitenziario per i renitenti al vaxxino, Yogi Ramsurat Kumar, Cartabia: controriforma pro ingiustizia, la differenza tra “noi” e “loro”…

Care, cari, gli esseri umani si sono evoluti nella natura selvaggia, la nostra peculiare natura umana si è formata in quella che chiamiamo wilderness. La civiltà non cominciò se non dopo l’affermarsi dell’agricoltura, diecimila anni fa. Nessuno ha mai spiegato gli effetti della “civiltà” sul corpo umano meglio di A.TW. Simeons. Egli scrisse Man’s Presumptuous Brain (“La mente presuntuosa dell’uomo”), per spiegare quello che una vita di lavoro alle radici del male gli ha insegnato… (Dolores LaChapelle) – Continua: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com/2021/07/vivere-nel-male-della-civilta.html

Marano sul Panaro. Luna piena – Scrive Mara Lenzi: “Il 24 luglio 2021, dalle ore 19 alle 21, si festeggia il Gurupurnima. Inizia con una introduzione sul significato di questa celebrazione ed una stringata presentazione del libro “Vivere parlare pensare senza dire Io”, poi si prosegue con canto di mantra e bhajan condotti da Tina e Federica a cui con immensa gioia si aggiunge Emilio Dolcini, mio insegnante di Mridanga. Si conclude con un Prasad (ognuno porta qualcosa). Il luogo dell’incontro è al parco di Marano sul Panaro (appena passato Marano sulla sinistra c’è un parcheggio, adiacente il campo sportivo, attraversate un ponticello di legno e dopo 20 metri raggiungeteci sul greto del fiume). – Info: 331.2250678”

Il paese dei balocchi sta chiudendo… – Scrive Antonio D’Elia: “Ho letto di molti turisti in difficoltà perché pensavano che fosse sufficiente il pass per viaggiare ma sono stati bloccati in aeroporto. Al di là delle opinioni su queste limitazioni sorgono alcune considerazioni sugli aspetti sociologici. Il paese dei balocchi sta chiudendo…” – Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2021/07/21/minchiocchi-nel-paese-dei-balocchi-o-dei-baiocchi-oppure-minchioni-nel-paese-dei-baioni-o-dei-coglioni/

Commento di R.A.: “In pochi stanno facendo notare il nome del famoso lasciapassare: “green”. Un nome fresco ed accattivante in linea con l’ecologismo d’accatto (ipocrita e falso, come tutte le loro propagande d’altronde) alla Greta Thunberg. Pensateci, potevano chiamarlo “co**d pass”, un documento per una emergenza provvisoria, giusto? Ma non vi è nessuna intenzione di farlo decadere a fine “emergenza”. É palese…” – Continua in calce al link soprastante

Penitenziario per i renitenti al “vaxxino”…? – Scrive U.C.: “ Dunque passiamo all’estorsione, al ricatto, al penitenziario…? Qui e lì abbiamo una stampa che sempre più ferocemente incita alla violenza contro i “renitenti” (già, li chiama così). Facciamo una brevissima e inesaustiva panoramica recente…” Continua: https://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2021/07/penitenziario-per-i-renitenti-al-vaxxino.html?showComment=1626864735635#c754697870310102844

Commento della dottoressa C.R.: “Che un virus che muta possa essere debellato semplicemente con un vaccino (che ovviamente è prodotto a partire dal virus originale più eventuali mutanti già conosciute) non lo credo. Ora tutti si beano della diminuzione dei casi ma ricordo che anche la scorsa estate ci fu una simile diminuzione tanto che le restrizioni furono praticamente abolite. E senza vaccinazione. E non c’erano ancora le varianti che ora minacciano la quasi inutilità della vaccinazione appena fatta. Semplicemente credo che non sempre in scienza le cose sono come appaiono e bisogna essere pronti a rivedere le proprie posizioni con onestà…” – Continua in calce al link soprastante con altri commenti

Passing Show e Yogi Ramsurat Kumar – “Passing show” (spettacolo passeggero) questa scritta campeggiava sul grande cartellone pubblicitario sulla via centrale di Tiruvannamalai, vi era dipinto un soggetto demodé, con il cilindro in testa, lo smoking ed una sciarpa al collo, gli occhi stanchi per le notti in bianco, ed in bocca una sigaretta il cui fumo si allargava in volute nebbiose che si allargavano sulla superficie del quadro. Passing Show erano le sigarette preferite da Yogi Ramsurat Kumar, il santo “strano” che viveva nei pressi del tempio di Arunachaleswara… – Continua: https://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2021/07/passing-show-e-yogi-ramsurat-kumar.html

Post scriptum – Dovete sapere che la montagna Arunachala (montagna rossa), che si trova in Tamil Nadu, è considerata sacra, in quanto manifestazione del potere divino di Shiva che in un lontano passato si dice fosse apparso come colonna di fuoco senza inizio né fine, il residuo di quella colonna è il monte solitario Arunachala. Alle sue pendici vissero tanti saggi, fra cui uno molto apprezzato in India ed altrove, Ramana Maharshi, ma non solo lui… contemporaneamente a Ramana, prima e dopo di lui, altri saggi e santi vissero ad Arunachala e probabilmente continueranno a viverci (anche vista la fama che la collina ha mantenuto nei secoli). Uno di questi santi è stato lo Yogi Ramsurat Kumar, ed è esattamente lui di cui vi parlavo poc’anzi…

Controriforma pro ingiustizia. Il provvedimento è atteso in aula il 23 luglio 2021. Il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, ha smantellato il testo della Guardasigilli Marta Cartabia: “Le conseguenze saranno la diminuzione del livello di sicurezza per la Nazione, visto che certamente ancor di più conviene delinquere, l’annullamento totale della qualità del lavoro, un aumento smisurato di appelli e ricorsi in Cassazione.” – Continua: https://paolodarpini.blogspot.com/2021/07/cartabia-controriforma-pro-ingiustizia.html

Situazione della lotta – Scrive A.D.: ”Siamo in una fase in cui ci sono tanti operatori del Sistema che vogliono mantenerci in uno stato di panico e disfattismo. Ci sono tante persone in buona fede che stanno dando una mano a questi operatori, seminando panico e disfattismo. Questa fase è inevitabile. Chi credeva che l’unica distinzione fosse tra benpensanti integrati e gli altri si sbagliava…”

Quando iniziò la differenza tra “noi” e “loro”? – Scrisse Primo Levi: “Iniziò con i discorsi di odio e di intolleranza, nelle piazze e attraverso i mezzi di comunicazione. Iniziò con promesse e propaganda, volte solo all’aumento del consenso. Iniziò con le leggi che distinguevano le persone in base alla “razza” e al colore della pelle…” – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2021/07/21/come-inizio-la-differenza-tra-noi-e-loro/

Ciao, Paolo/Saul

……………………

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Di tutte le ingiustizie, nessuna è più deprecabile di quella di coloro che, quanto più ti ingannano, tanto più fanno in modo di sembrare uomini onesti.” (Cicerone)




permalink | inviato da retebioregionale il 22/7/2021 alle 8:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 3055353 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     giugno