.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
3 giugno 2011

Bioregionalismo e diritti animali

 Allevamenti intensivi e benessere animale



Gentilissima Caterina Regazzi,

sono un attivista italiano attualmente impegnato con una ONG inglese che si occupa di indagini e campagne contro la produzione intensiva di carne suina.
L’attività dell’ONG ha portato alla produzione di un documentario che
concentra la propria attenzione sui metodi e gli effetti del “factory farming”, metodo esportato dalle grandi corporations americane soprattutto nell’Est Europa. Il documentario si concentra sull’evidenziarne gli effetti dannosi sulla salute umana e sul tessuto economico locale, spingendo per un consumo di carne più critico rivolto essenzialmente verso metodi produttivi tradizionali e naturali.

La ONG sta cercando di coinvolgere quanti più soggetti possibili nell’Unione Europea in modo da fare pressione sulle istituzioni comunitarie perchè si ponga fine a tali metodi produttivi.

Sperando di poterti dare del “tu”, ti crivo in quanto reponsabile del settore zootecnia della Rete Bioregionale Italiana.

Mi piacerebbe sapere se potesse essere di vostro interesse ricevere una copia del DVD (in inglese ma con sottotitoli in italiano) in modo da parlarne sul vostro sito, diffonderlo attraverso la vostra rete e magari inserirlo in iniziative collegate alle tematiche trattate. In tal caso ti pregherei di rispondermi allegando un indirizzo cui spedire il materiale.

Il documentario è comunque liberamente visionabile qui:
http://www.pigbusiness.co.uk/the_film/#10

Insieme ad altri soggetti la ONG ha anche prodotto la bozza di una dichiarazione da far approvare alla Commisione Europea, se dovesse interessarvi potrei fornirvene una copia tradotta.

La necessità è quella di fare pressione sui parlamentari europei di ogni singolo stato membro.

In ogni caso, se doveste aver bisogno di altre informazioni non esitate a contattarmi oppure visitate il sito http://www.pigbusiness.co.uk/

Grazie, Luigi Gaudio

…………….

Caro Luigi Gaudio, le tue informazioni sono molto interessanti! Ho visto l’inizio del documentario e si riferisce ad allevamenti intensivi, veramente intensivi! Nella zona dove io opero non esistono realtà così mastodontiche, ma i sistemi di allevamento sono all’incirca quelli lì mostrati.

L’allevamento del suino va completamente al di fuori di quella che è la natura dell’animale, come giustamente evidenziato e non a caso sono uscite normative sul “benessere” del suino, che comunque, almeno per ora , non affrontano il problema nel suo aspetto fondamentale (secondo me) e cioè che il suino ha bisogno di esplorare e di grufolare, e ha bisogno di spazi per la manifestazione delle gerarchie.

Ci interessa ricevere una o più copie del documentario ed anche una copia della bozza di dichiarazione di cui fai cenno.

Pubblicheremo quanto da te trasmesso sul sito del Circolo Vegetariano VV.TT.   e su quello della Rete Bioregionale.

Il 18 e 19 giugno ci sarà l’incontro della Rete Bioregionale, in cui si potrà mostrare il documentario. Se vuoi partecipare sei il benvenuto!

Ciao e grazie per la condivisione, Caterina Regazzi



 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     maggio        luglio