.
Annunci online

retebioregionale
RETE BIOREGIONALE ITALIANA - La pratica del bioreregionalismo e dell'ecologia profonda
 
 
 
 
           
       

La Rete Bioregionale Italiana è ispirata dall'idea di Bioregione: aree omogenee definite dall'interconnessione dei sistemi naturali e dalle comunità viventi che le abitano.
Una bioregione è un insieme di relazioni di cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Qui di seguito i nomi dei primi fra i nuovi referenti tematici della Rete Bioregionale Italiana che a titolo volontario intendono mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nel loro percorso di pratica ecologista:

Daniela Spurio - Grafica e fotografa - Impaginatrice dei Quaderni di
Vita Bioregionale - "Viverecongioia Jesi" dhanil@live.it,

Giorgio Vitali, presidente Infoquadri, Referente per il Signoraggio monetario ed aspetti economici correlati. Email.  vitali.giorgio@yahoo.it, - Tel. 393.6542624 

Rita De Angelis ritadeangelis2@alice.it e cell. 3385234247 - ecologia casalinga

Antonella Pedicelli, docente di filosofia, residente a Monterotondo (Sabina Romana)Referente per rapporti con le scuole e interventi formativi di recupero e attenzione verso la cultura bioregionale. Email: hariatmakaurr@gmail.com 

Claudio Martinotti Doria, monferrino, storiografo e ricercatore di storia locale ed economica, saggista, ambientalista libertario e localista. Referente per le Politiche economico ecocompatibili. Email: claudio@gc-colibri.com  tel. 0142487408 - Sito web: http://www.cavalieredimonferrato.it

 Benito Castorina, docente universitario per l'economia agricola e coltivatore di erba vetiver. Referente per l'agricoltura contadina e produzione energetica ecologica. Recapiti: benito.castorina@fastwebnet.it - Tel. 06.8292612 - 338.4603719

Avv. Vittorio Marinelli, presidente di European Consumers,
Via Sirtori, 56, 00149 Roma. Email:
vitmar@tiscali.it - Tel.
348.1317487 - Referente per l'ecologia nei consumi.

Caterina Regazzi
, medico veterinario Referente per il rapporto uomo/animali e zootecnia. Recapiti:
caterinareg@gmail.com – Cell. 333.6023090

Fulvio Di Dio, residente ad Amelia (Terni), funzionario alla Regione
Lazio Assessorato Ambiente
. Email.
fulvio.didio@libero.it - Tel.
329.1244550. Referente per l'ecologia nelle aree urbane.

Manuel Olivares, scrittore e giornalista sociologico esperto in comunità, fondatore della casa editrice “Vivere Altrimenti”. Referente per i rapporti con le comunità, comuni ed ecovillaggi. Recapito: info@viverealtrimenti.com

Sonia Baldoni, esperta di erbe officinali e cure naturali olistiche. Referente per il rapporto con gli elementi della natura e con lo spiritus loci. Recapiti: Cell. 333.7843462 - sachiel8@virgilio.it

Teodoro Margarita, seedsaver, già consigliere federale di Civiltà Contadina e collaboratore della Rete. Referente per l'area comasca, ecovillaggio, ricerca spirituale. Recapito: 031.683431 ore serali.

Stefano Panzarasa, geologo e musicista, Responsabile Ufficio Educazione Ambientale del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per l'educazione ambientale ed ecologica. Recapiti: bassavalledeltevere@alice.it  -  blog (cliccare qui sotto): www.orecchioverde.ilcannocchiale.it  tel.. 0774/605084

Lucilla Pavoni, scrittrice e neo contadina. Referente per i rapporti solidali fra esseri umani. Recapiti: lucillapavoni@libero.it – Cell. 338.7073857

Paolo D'Arpini, cercatore spirituale laico e membro fondatore della Rete Bioregionale Italiana. Referente per le Pubbliche Relazioni. Recapiti: circolo.vegetariano@libero.it – Tel. 0733/216293 - 0761/587200 


Altri membri e simpatizzanti stanno ancora meditando sul come offrire la propria collaborazione alla comunità bioregionale, se fra i lettori, che si riconoscono nel messaggio dell'ecologia profonda, c'é qualche volontario.. é benvenuto!

Paolo D'Arpini, addetto alle Relazioni Pubbliche per la Rete Bioregionale Italiana

Per aderire alla Rete Bioregionale Italiana é sufficiente sottoscrivere il manifesto fondativo (o carta degli intenti) e di inviare una email di conferma a:  circolo.vegetariano@libero.it

 

 
 
 
 

 
30 maggio 2014

Marco e Tiphaine in bicicletta alla ricerca di realtà ecosostenibili

Bicicletta romantica - Marco e Tiphaine pedalando sulla via della seta alla scoperta di realtà ecosostenibili

 

 

Ciao Paolo, ti rendo partecipe del nostro progetto. Siamo una coppia, io Marco di origini campane e Tiphaine, francese, che da qualche giorno abbiamo iniziato a viaggiare in bicicletta....

Comunicato: Sulla via della seta, in bicicletta

 
Dal 20 Maggio 2014 Marco e Tiphaine hanno iniziato il loro viaggio in bici in giro per il Mondo alla scoperta di realtà in cui, come in bicicletta, i ritmi sono più lenti e sostenibili per l'uomo e la natura. Il nome del loro progetto è CycloLenti.

Sono diretti verso l’Est Asiatico e l’itinerario prevede un detour per l’Europa del Mediterraneo per poi arrivare in Indocina e chissà ancora dove. Partiranno dalla costa atlantica francese e dopo aver attraversato Spagna, Portogallo e Italia, passeranno il primo inverno in Grecia. Da qui proseguiranno verso i Paesi del Caucaso e poi via alla volta dell’Asia.

“Un viaggio per inseguire i nostri sogni, nutrire lo spirito, assaggiare la vita nella sua essenza. Vogliamo scoprire il Mondo, mescolarci tra la gente, osservare modelli di vita diversi da quelli in cui siamo cresciuti. La frenesia, le ansie, le contraddizioni della società capitalista che sottrae tempo al sé, all'otium, ci spingono a rallentare, a cercare ritmi più vicini alla natura, a noi stessi”

Durante tutto il viaggio visiteranno realtà che già sperimentano tutto ciò: fattorie biologiche della rete wwoof, ecovillaggi, progetti di permacultura, comuni virtuosi, villaggi agresti, di nomadi, di pastori…dal vecchio Continente alle immense steppe dell’Asia.

La bici, il mezzo a propulsione umana per eccellenza, rappresenta bene lo spirito con il quale i due ragazzi affronteranno il viaggio. 

“La scelta della bicicletta è stata del tutto naturale, non ha impatto negativo sull’ambiente e ci consente di avanzare a ritmi sufficientemente lenti (per questo siamo cyclolenti) in modo da osservare il Mondo ed entrare in contatto con le persone che conosceremo lungo il tragitto”

“Cambiare si può! Può essere alla portata di tutti e si può fare in qualsiasi momento. E’ questo il messaggio che in forma silente risuona dalle nostre bici tra una pedalata e l’altra. Un proverbio africano recita: Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa". Noi non siamo né ricchi né degli sportivi, semplicemente dei sognatori.”


 
Marco e Tiphaine  328.894.0305




permalink | inviato da retebioregionale il 30/5/2014 alle 9:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

29 maggio 2014

Quaderni di Vita Bioregionale 2014 e schema programma del Collettivo Ecologista 2014 di Montesilvano



 


Montesilvano - Olis, il luogo dell'Incontro Collettivo Ecologista 2014

Bene.  Cari amici ho appena sentito Daniela Spurio e le ho chiesto di  impaginare i Quaderni di Vita Bioregionale 2014.  Lo farà.  
Devono essere pronti per l'Incontro Collettivo Ecologista che si tiene il 21 e 22 giugno a Montesilvano, perciò il tempo stringe....
In copertina ci sarà un suo disegno con il titolo e nell'ultima di copertina andrà il programma completo.   

 
Gli articoli per i Quaderni mi ha chiesto Daniela di mandarglieli separatamente uno per uno con l'eventuale immagine da inserire per ognuno così non si sbaglia.  Le pagine della rivista (Quaderni) sono 10 (venti facciate da cui vanno tolte la copertina e l'ultima, quindi per i testi restano solo 18 facciate), perciò servono  testi brevi.....  Vi chiedo estratti sintetici (mezza pagina) dell'intervento. Anche considerando che dovrò mettere un paio di articoli esplicativi sul bioregionalismo ed ecologia profonda. 

Aspetto quindi il materiale a stretto giro di posta (da inviare non oltre  il 7 giugno 2014)  e poi manderò tutto a Daniela....

 
Un abbraccio, Paolo D'Arpini

.................

Ah, qui di seguito la bozza del programma dei due giorni, prossimamente faremo una scaletta dettagliata con i nomi dei partecipanti  che avranno confermato la loro presenza all'incontro, in caso non abbiate ancora confermato fatelo immediatamente.....

Per iscriversi  ed avere notizie sulla permanenza e sul come raggiungere il luogo  contattare: michelemeomartino@tiscali.it
Tel. 393.2362091 - 085/4683554

Per avere informazioni sui temi generali trattati e per inviare gli articoli rispondere a me: bioregionalismo.treia@gmail.com
 
Cari saluti ed a presto, Paolo D'Arpini
Tel. 0733/216293

 
....................

 

 

Incontro Collettivo Ecologista 2014 - Montesilvano (Pescara) 

CIBO E SOSTENIBILITA’

Analisi, riflessioni, proposte tra

 

natura, cultura, società ed economia

 

Sabato 21 Giugno 2014

Dalle ore 11.00 in poi

Accoglienza e sistemazione

 

Ore 16.00

Raccolta dei fiori

 

17.00 – 18.50

Testimonianze ed Esperienze dai territori  

Esempi di buone prassi e comportamenti virtuosi

 

18.50 – 19.10

Pausa

 

19.10 – 20.50

Tavola rotonda

 

21.00 – 22.00

Cena

 

22.00 – 23.00

Musica e Falò

 

 

Domenica 22 Giugno 2014

 

Ore 9.30

Seduta di Yoga

 

Ore 10.15 - 13.00 (Pausa 11.30 – 11.50)

Testimonianze ed Esperienze dai territori:

Esempi di buone prassi e comportamenti virtuosi

 

Prima di Pranzo

Battesimo Laico con l’acqua benedetta

A cura Adriana Gandolfi

 

Ore 13.00 – 14.00

Pranzo

 

14.30 – 16.00

Spazio Benessere olistico

 

16.00 – 17.30

Prospettive e progetti comuni

 

Ore 18.00

Saluti finali


 

 

............................................

 
Introduzioni all'incontro:
Informazioni pratiche: la partecipazione è gratuita, si può campeggiare con tenda propria, oppure adattarsi nella struttura con sacco a pelo.  Per chi lo desidera c'è un bed and breakfast vicino a 25/30 euro a notte. Portare proprie suppellettili e biancheria, durante i due giorni si potrà compartecipare ai lavori di sostentamento e organizzazione. Per i pasti è richiesto un rimborso spese di 6 euro a persona, sono graditi apporti di cibi bioregionali autoprodotti. Si potranno esporre libri in sintonia e propri materiali e creazioni artigianali ed agricole. 


28 maggio 2014

Treia, 2 giugno 2014 - Raccolta immondizie per la ricorrenza della Repubblica

Treia, 2 giugno 2014 – Festa della Repubblica e raccolta volontaria di immondizie

 

 

Le ricorrenze si chiamano così perché ricorrono e ce n’è una particolarmente importante per noi italiani, si tratta della Festa della Repubblica, che ricorre il 2 giugno.

Con i tempi che corrono e con la sovranità sempre più limitata della nostra nazione, sia in seguito alla costituzione della UE che impone norme stringenti al funzionamento autonomo dello stato (vedi ad esempio il Fiscal Compact) sia per l’alleanza NATO che ha consentito l’istallazione di ben 123 basi militari americane sul nostro suolo, parlare ancora di Repubblica Italiana sembra quasi una presa in giro. 
 
Resta il fatto che almeno noi vecchietti riconosciamo ancora il valore della “patria” ed in qualche modo ci teniamo a ricordare questo fatto importante della nostra storia, il momento in cui l’Italia è passata dalla condizione di “regno” a quello di “repubblica”. 
 
L’Italia infatti  è una Repubblica dal 2 giugno del 1946. Questa data è come un atto di nascita ed è possibile stabilire le qualità insite nella fondazione del nuovo Stato partendo dalle qualità temporali della sua fondazione. L’aspetto più evidente, dal punto di vista dello zodiaco occidentale, è che l’Italia manifesta tutte le caratteristiche dei Gemelli. Il 2 giugno rientra nel secondo decano, quindi nella pienezza degli aspetti “gemellari”. Castore e Polluce ci sono entrambi, ed è forse per questa ragione che l’Italia ha avuto, ed ha, un destino sia artistico, culturale e poetico che truffaldino, speculativo e corrotto. In particolare si può dire che la Repubblica Italiana manifesta capacità di cambiamenti rapidi ed una quantità di talenti. Benedetta dalle qualità del “divo nato” la nostra patria rappresenta la personificazione caratteriale dell’uomo di spettacolo, una specie di prestigiatore Houdini o –al meglio- un accorto Disraeli. Lo spirito mercuriale dei gemelli predispone la Repubblica Italiana a trasformazioni repentine, cambiamenti di scena e facili entusiasmi. In tal modo si può perdere di vista la necessità contingente ed infatti la vita privata degli italiani -in generale- ne soffre, anche se nel pubblico tutti cercano di essere brillanti….

 

Nel calendario romano il 2 giugno era indicato come il “quarto giorno prima delle none. Fasto. Sacro a Marte, alla Dea Carna ed a Giunone Moneta” Secondo Microbio Carna è la divinità tutelare della parti vitali del corpo, forse questa la ragione per cui gli italiani sono così amanti della buona tavola e delle “rotondità” femminee. Il termine invece affibbiato a Giunone, “Moneta”, significa “l’Avvertitrice” e le venne conferito in occasione del celebre episodio dell’assalto dei Galli al Campidoglio, sventato dalle oche sacre del tempio di Giunone. L’attributo passò poi ad indicare la moneta (in senso di denaro) poiché la zecca si trovava nei pressi del tempio della Dea.

Questo particolare della “difesa” fatta dalle oche può servire da introduzione al contenuto semantico e zodiacale connesso all’oroscopo cinese. Infatti l’anno 1946 è quello del Cane di Fuoco. Il cane è animale da guardia per antonomasia ed il Fuoco rappresenta la vista, da cui se ne deduce che l’Italia è un paese che si guarda attorno e cerca di adeguarsi alle regole secondo termini di giustizia condivisa. Questa è una chiara immagine del dharma del nostro paese. In aggiunta il 2 giugno rientra nella stagione del Cavallo, simbolo della libertà e della leggerezza, da cui se ne deduce che il motto più vicino alla realtà ideale della nostra Repubblica, secondo i cinesi, sarebbe “giustizia e libertà”. Ed effettivamente, malgrado i grandi difetti, queste aspirazioni sono nel cuore di tutti gli italiani…..
 

 
Immagine

In sintonia con questa “osservazione” zodiacale noi bioregionalisti del Circolo Vegetariano VV.TT.  il 2 giugno del 2014, alle h. 19,  compiremo a Treia un piccolo rito. Saremo nei giardinetti pubblici sotto la Torre Onglavina,  il monumento più antico di Monticolo (costruita dai Longobardi X secolo),  per raccogliere plastiche ed altre immondizie che deturpano l’ambiente, compiremo questo gesto liberamente e per un senso di giustizia verso la nostra Terra.

 

Buon anniversario della Repubblica a tutti quanti!

 
Paolo D’Arpini 
 
 
……………………………
 
Post Scriptum: La manifestazione è libera e gratuita e non è coperta da polizza assicurativa, chi partecipa lo fa a proprio rischio e pericolo

 




permalink | inviato da retebioregionale il 28/5/2014 alle 11:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

27 maggio 2014

Ghiacciai montani sempre più sciolti

Ghiacciai montani in aumento, perché in ritirata...

 
Oggi sono 896 mentre negli anni '50 erano 824: i ghiacciai italiani sono aumentati di numero ma questa non è una buona notizia. Il numero è infatti aumentato per via dell'intensa frammentazione, sistemi glaciali complessi riducendosi si dividono in singoli ghiacciai più piccoli, mentre la superficie dagli anni '80 è passata da 609 kmq agli attuali 368 kmq. 
Sono stati presentati il 19 maggio 2014 all'Università Statale di Milano i risultati del Nuovo Catasto dei Ghiaccia Italiani realizzato dall'equipe del dipartimento di Scienze della Terra, con il contributo di Levissima e in collaborazione con l'associazione EvK2Cnr e il Comitato Glaciologico Italiano. I precedenti catasti risalgono al 1962 e al 1984 e rispetto ai dati rilevati allora, risultano visibili gli effetti e l'impatto sui ghiacciai italiani del cambiamento climatico in corso: aumento del numero, sensibile riduzione della superficie e del volume, cambiamento della morfologia stessa del cuore freddo delle Alpi.

In gran parte i ghiacciai italiani risultano essere di piccole dimensioni con un valore areale medio di 0,4 kmq. Un dato significativo poiché le ridotte dimensioni espongono in maniera esponenziale i ghiacciai a ulteriori fenomeni di fusione dovuta all'innalzamento delle temperature medie annuali. Le novità non sono solo dovute ai cambiamenti climatici ma in alcuni casi anche ai risultati dei nuovi studi: il ghiacciaio più vasto è risultato essere infatti non più quello dei Forni come indicato nel precedente catasto ma il ghiacciaio del complesso Adamello-Mandrone che grazie a recenti rilievi si è scoperto essere composto da un corpo glaciale unitario.

’’Nonostante sia tutt’ora in atto una lunga fase di regresso glaciale, l’incremento della copertura detritica superficiale potrebbe ridurre i ritmi di fusione, mentre l’incremento di polveri naturali o antropiche potrebbe aumentarla. La variabilità meteo-climatica, con inverni molto nevosi ed estati fresche ed umide, favorirebbe inoltre periodi di rallentamento di questa attuale fase negativa”, spiega Claudio Smiraglia, a capo del progetto di ricerca. ”A fine estate 2013, ad esempio, la riduzione di spessore di molti ghiacciai italiani è stata minore rispetto a quella registrata negli anni precedenti, a causa delle forti nevicate dell’inverno 2012-2013. E’ chiaro che, per avere una vera e propria inversione di tendenza, dovrebbe verificarsi una successione, almeno decennale, di queste caratteristiche meteo-climatiche, come quella del 1965-1985”.

(Notizia ambientale ADNkronos)




permalink | inviato da retebioregionale il 27/5/2014 alle 9:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 maggio 2014

Come salvarsi dai veleni agricoli

Norme di difesa dai veleni usati in agricoltura

 
Finalmente uno strumento di difesa per tutti quei cittadini che debbono ogni fine primavera subire i rischi prodotti dai fitofarmaci.


 
Il 24 maggio 2014 a Viterbo presso l'ordine dei medici si è tenuto un importante convegno sul rischio salute causato dalla presenza di arsenico nelle acque del viterbese e dall'uso eccessivo di prodotti chimici in agricoltura. Alle parole di allarme di medici e scienziati sull'incidenza di tumori nel viterbese, probabilmente innescati anche da pesticidi e diserbanti vari, rispondono in questi giorni uomini scafandrati che irrorano piante e terreni con potenti veleni. Anni ed anni di azioni di sensibilizzazione da parte non solo degli ambientalisti, ma degli scienziati non sono serviti a nulla. Veleni a "go go" vengono sempre di più usati in agricoltura e in particolare sui noccioleti e da qualche tempo anche sui castagneti del viterbese. Inevitabili i rischi alla salute non solo per chi maneggia queste sostanze, ma anche e purtroppo per gli ignari cittadini che debbono subire passivamente i cosiddetti danni collaterali. Quindi per i medici riuniti nel convegno a Viterbo sabato scorso, non c'è da meravigliarsi più di tanto se nel viterbese i tumori siano diventati una specie di epidemia.

A questo punto Accademia Kronos vuol ricordare a tutte quelle amministrazioni comunali che tollerano o in alcuni casi condividono l'avvelenamento dei suoli e delle acque, che oggi esistono norme e leggi a tutela della salute dei cittadini. Le recenti normative comunitarie rendono prioritario il corretto impiego dei prodotti fitosanitari per una gestione "sostenibile" dell'agricoltura. In particolare il D.Lgs. 150/2012, che ha recepito la Dir. EU 128/2009 sull'uso sostenibile dei pesticidi,prevede la riduzione del rischio e dell'impatto dei prodotti fitosanitari sulla salute umana e sull'ambiente. Questa nuova legge afferma che non è più possibile trattare con veleni chimici che possono provocare la deriva di sostante al di fuori delle proprietà, ovvero inquinando la terra, i bacini idrici e le abitazioni dei vicini (anche nelle polveri domestiche si concentrano i pesticidi).

Questo vuol dire, soprattutto per i noccioleti del viterbese, il divieto assoluto dell'uso di fitofarmaci nebulizzati, in prossimità di corsi d'acqua, di abitazioni civili e lungo le vie in cui le persone sono solite andare in bicicletta, fare jogging o semplici passeggiate a piedi. In caso di malori causati dalla presenza nell'aria di sostanze tossiche provenienti da trattamenti fitosanitari impropri, sappiano i cittadini che possono ricorrere per vie legali nei confronti non solo degli agricoltori che non hanno rispettato i limiti imposti dalla legge (almeno 100 metri dalla strada), ma soprattutto nei confronti dei sindaci che non hanno predisposto ordinanze specifiche in merito.

Accademia Kronos a tal proposito informa quei cittadini, vittime di avvelenamenti da fitofarmaci, che possono contare sugli avvocati dell'associazione, esperti nel settore risarcimento danni causati da usi irregolari di prodotti tossici in agricoltura.


 Filippo Mariani 




permalink | inviato da retebioregionale il 26/5/2014 alle 15:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

25 maggio 2014

AKnews, nuovo giornale ambientale

Accademia Kronos: "...prossima uscita di AKnews, nuovo giornale ambientale"

 

 

I dirigenti dell'Associazione Accademia Kronos  hanno deciso di registrare al Tribunale di Viterbo una nuova testata ed uscire tra breve come un vero è proprio settimanale d'informazione meteo-climatico e ambientale. Da "AKinforma" si passerà quindi ad "AKnews" con un nuovo logo. La redazione e il comitato scientifico sarà formato da personalità d'alto rilievo che molti giornali anche di prestigio ci invidieranno. Il Direttore è stato già deciso, sarà: Carlo Sacchettoni, già noto giornalista della RAI, mentre il Responsabile scientifico sarà Vincenzo Ferrara premio Nobel. A seguire altri scienziati e giornalisti, tra cui il nostro informatico che ha realizzato il nuovo portale internet di AK.

Questo il progetto: La Redazione di "AK news" punterà a nominare suoi inviati speciali e cronisti locali. Sarà così possibile creare pagine locali che trattano problemi ambientali periferici. Ogni redazione periferica dovrà individuare giornali locali, enti ed istituzioni pubbliche e private a cui inviare gratuitamente il nostro settimanale insieme all'inserto. In questo modo nell'arco di poche settimane potremmo raggiungere un considerevole numero di nuovi utenti e a quel punto ottenere sponsor capaci di sostenere anche i costi delle redazioni locali.

Uno degli scopi scientifici e concreti che ci potrà distinguere da altri giornali sarà quello della partecipazione attiva ai PNA, ossia ai piani nazionali di adattamento ai cambiamenti climatici in cui tutti i comuni italiani dovranno nell'arco di pochi anni dotarsi. Ma oltre a ciò continueremo a trattare temi che ci hanno contraddistinto fino ad oggi su questa newsletter.
Per partire con il nuovo settimanale abbiamo calcolato di spendere inizialmente non meno di 4.000 euro, concentrati nei costi per le autorizzazioni, tasse varie, potenziamento della redazione con ulteriori computer, stampanti, ecc.

Quindi vi si chiede di aderire come cronisti locali, procacciatori di sponsor o semplici sostenitori, aiutandoci inizialmente anche con 10 o 20 euro al fine di raggiungere la quota d'investimento prevista, ma anche entrando a far parte della proprietà di AK news versando un contributo minimo di 100 euro. (scrivere per info a: accademiakronos@gmail.com)
 

 

Se riusciremo ad uscire con il nuovo giornale prima di settembre, avremmo realizzato finalmente uno strumento d'indagine e di denuncia ambientale nazionale e locale di indubbia utilità e di grande "forza contrattuale". Anche questo è un modo per difendere il nostro futuro. 

Accademia Kronos




permalink | inviato da retebioregionale il 25/5/2014 alle 10:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 maggio 2014

Brindisi - Progetto CANAPA

Puglia - Parte il progetto C.A.N.A.P.A. (Coltiviamo Azioni per Nutrire Abitare e Pulire l’Aria)

 

 

Ripristino dei terreni inquinati grazie ad una pianta che è stata demonizzata, ma più che demoniaca a noi pare faccia veri e propri miracoli.

CanaPuglia, partendo da Brindisi, ha avviato il progetto C.A.N.A.P.A. (Coltiviamo Azioni per Nutrire Abitare e Pulire l’Aria)

Siamo all’inizio di una rivoluzione, perché la canapa povera pianta diffamata per ragioni politiche ed economiche, diffamata perché poteva rappresentare l’alternativa alla civiltà della plastica, è una pianta sorprendente per tutto ciò che può dare. In più tra le tante caratteristiche c’è la capacità di assorbire i metalli pesanti, quindi di essere ideale nei territori inquinati per le bonifiche, e quindi la piantagione di canapa a ridosso di insediamenti industriali che hanno una forte storia di impatto ambientale inquinante, ha anche un significato di riqualificazione dei terreni.

E come ci ha raccontato Andrea Carletti, presindete di Assocanapa Puglia e della società agricola Terra del sole, che avevamo intervistato in occasione della coltivazione sperimentale effettuata l’anno scorso, “il progetto proseguirà probabilmente anche a Priolo Gargallo, nei pressi di Siracusa, dove sorge un importante polo petrolchimico. Abbiamo avuto i primi contatti con la Syndial, società del gruppo Eni che gestisce l’impianto, per utilizzare la canapa per bonificare i terreni. E’ un’area di 5mila metri quadrati e stiamo valutando la fattibilità del progetto”.

Tra le varie doti della canapa che possono favorire l’ambiente in cui cresce, la pianta, che radica in profondità, contribuisce a migliorare il terreno in vista delle coltivazioni future, anche a rotazione. Inoltre, come altri vegetali, ha doti di fitorimediazione, un processo per il quale, tramite l’azione di assorbimento dell’apparato radicale della pianta, vengono estratti dal terreni componenti organici o inquinanti come i metalli pesanti... 

Notizia inviata da Domenico D'Ambrosio 



(Fonte: Canapaindustriale.it) 




permalink | inviato da retebioregionale il 24/5/2014 alle 15:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 maggio 2014

Vicenza - Manifesto per la biodiversità e contro gli OGM

Altragricoltura Nordest: "Carta d'intenti per la biodiversità e contro gli Ogm"

 


Cari amici bioregionalisti, dopo gli incontri di Vicenza al Terre Resistenti festival e di Roma, per Genuino Clandestino, vi mandiamo  la bozza della “Carta d'intenti per la tutela della biodiversità e contro la diffusione degli Ogm”, curata da Altragricoltura Nordest e aperta al contributo di
tutte e tutti.

Vi aspettiamo inoltre  sabato 24 maggio 2014, giornata internazionale di boicottaggio della Monsanto. A presto,

Chiara Spadaro

347.9087538,  spadaro.chiara@gmail.com 




Carta d'intenti per la tutela della biodiversità e contro la diffusione di Ogm

Bozza in costruzione a cura di Altragricoltura Nordest

 
Noi cittadini, consumatori e produttori, associazioni e movimenti contrari alla coltivazione e alla commercializzazione di Organismi geneticamente modificati (Ogm), riteniamo necessario e urgente intervenire subito a tutela della salute umana e animale, dell'ambiente e della biodiversità, per costruire un modello agroalimentare ecologicamente e socialmente sostenibile.
Sottoscrivendo questa carta di intenti ci impegnano ad affermarne i principi e lo spirito in tutti gli ambiti della società in cui siamo inseriti, nonché a costruire un movimento sociale ampio e incisivo, organizzando o sostenendo tutte quelle pratiche e forme di lotta che permettano di incidere a tutela della biodiversità e di fermare la diffusione degli Ogm in Italia e all'estero.

 
1. Premesso che
  • gli Organismi geneticamente modificati sono il prodotto di tecniche di ingegneria genetica che permettono di inserire nel patrimonio genetico di una specie, geni provenienti da una specie completamente diversa, modificandoli se necessario;
  • le tecniche di manipolazione genetica che producono Ogm non sono assimilabili né a quelle che utilizzano processi biologici (come innesti e incroci) - da sempre utilizzate per selezionare piante e animali con caratteri più adatti all'ambiente o in grado di aumentare la produttività -, né alle più recenti tecniche di mutazione genetica, che producono varianti dello stesso patrimonio genetico e non inseriscono nuovi geni;
  • gli Ogm - come le tecniche per ottenerli e riprodurli, nonché i geni utilizzati per ottenere il nuovo organismo - sono stati brevettati da grandi aziende multinazionali che, nonostante il principio della non brevettabilità di organismi viventi, sono riuscite ad ottenere il diritto esclusivo al loro sfruttamento. Ogni persona che coltivi, anche senza saperlo, una pianta geneticamente modificata deve pagare quindi all'azienda produttrice delle royalties;
  • la soia e il mais Ogm sono utilizzati principalmente per la produzione di mangimi animali;
  • tra le piante geneticamente modificate, 4 hanno un impatto significativo sulla produzione mondiale: si tratta di soia, cotone, mais e colza. Due di queste - soia e cotone - hanno conquistato il mercato con rispettivamente il 79% e il 70%, mentre il 32% del mais e il 24% della colza sono Ogm1.
  • I Paesi in cui sono presenti coltivazioni transgeniche sono 27; in 5 Paesi - Stati Uniti, Brasile, Argentina, India e Canada - vi sono coltivazioni di ampie dimensioni che coprono gran parte dei circa 175 milioni di ettari seminati a Ogm2.
  • L'Unione Europea, a seguito delle pressioni delle multinazionali e di un'azione formale presso l'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC-WTO) di alcuni grandi paesi produttori (USA, Argentina e Canada), ha rivisto la politica della “moratoria di fatto” introducendo un nuovo quadro regolamentare che, a partire dal 2004, ha portato all’autorizzazione all'importazione e alla coltivazione di alcuni Ogm: principalmente varietà di soia, mais, cotone e colza3.
  • A oggi, 8 Paesi dell'Unione Europea - Francia, Germania, Lussemburgo, Ungheria, Grecia, Bulgaria, Polonia, Austria - hanno adottato la clausola di salvaguardia per vietare la coltivazione di Ogm. L’Austria ha anche adottato una moratoria sull'importazione dei mais Mon810 e T25, e ha raggiunto un accordo volontario con le maggiori catene di supermercati e le aziende dei mangimi per l'esclusione dalla loro filiera alimentare di prodotti derivanti da Ogm.
  • L'Italia ha garantito fino al 2013 una moratoria di fatto sulla coltivazione di Ogm. Allo stesso tempo però ha permesso l’importazione di materia prima e derivati da Ogm autorizzatidall’Unione Europea (in particolare mangimi animali).
  • Nel maggio del 2013 la Corte di Giustizia Europea ha sentenziatoche l'Italia non può sottoporre ad autorizzazione la coltivazione di una pianta modificata geneticamente già autorizzata dall'Unione Europea. Questa decisione ha incentivato un piccolo gruppoagricoltori del Friuli Venezia Giulia a piantare il mais Ogm prodotto dalla Monsanto, Mon810. La posizione ambigua del Governo non ha evitato il raccolto e la messa in commercio di questo mais. Le analisi effettuate dal Corpo forestale allo scopo di verificare eventuali contaminazioni ambientali nei terreni limitrofi a quelli coltivati a mais Ogm hanno dimostrato un “inquinamento genetico” fino al 10%.
  • Attualmente gli Ogm arrivano negli scaffali dei supermercati direttamente all’interno di prodotti di largo consumo, come derivati (amido modificato di mais, sciroppo di mais, mono e digliceridi degli acidi grassi, destrosio, lecitina di soia [E322], olio di soia, olii vegetali, olio di mais, malto di mais per la produzione di birra) o indirettamente, perché gli animali sono stati alimentati con mangimi (l'80% dei mangimi italiani ed europei contiene soia e mais Ogm).

 
2. Consapevoli che gli Ogm
  • rappresentano un pericolo per la salute umana e animale. Ormai numerosi studi indipendenti mostrano che vi sono rischi di insorgenza di allergie e intolleranze, rischi di sviluppo di resistenza ad antibiotici da parte di batteri patogeni presenti nel nostro organismo (resistenza conferita da un gene marker utilizzato per verificare che l'inserimento del transgene sia andato a buon fine);rischi derivanti da metaboliti dei diserbanti (malformazioni; il linfoma non Hodgkin è correlato all'uso di glifosato e circa il 75% delle coltivazioni Ogm contengono il gene resistente al glifosato). Inoltre esiste un serio rischio da alterazione del funzionamento dei geni. Come ha affermato il premio Nobel per la Medicina, Renato Dulbecco, è stato dimostrato che introducendo un nuovo gene in una cellula, la funzione di un gran numero di altri geni viene alterata; non è sufficiente introdurre un gene nell'organismo per determinarne l'effetto, che invece dipende da quali altri geni sono già presenti4. Ovviamente, allo stato attuale delle conoscenze, non sappiamo quali geni e quando saranno alterati.
  • Non evitano l'uso di pesticidi e sono una grave minaccia per l'ambiente: tre quarti degli Ogm commercializzati sono resistenti ad erbicidi, i quali di norma sono venduti dalle stesse compagnie multinazionali che producono le sementi transgeniche. Non solo queste piante presuppongono l'uso di questi prodotti chimici (fitofarmaci, antiparassitari e fertilizzanti) dannosi per l'ambiente, gli eco-sistemi agricoli e gli esseri umani (agricoltori e consumatori), ma i dati mostrano una proliferazione di piante infestanti sempre più resistenti5 e un aumento nel consumo di biocidi. Le piante modificate con geni per la resistenza agli insetti (l'altra grande famiglia di Ogm) producono la tossina non solo in loro presenza, ma sempre e su tutta la pianta. La tossina quindi ammazza anche insetti o altri piccoli animali non dannosi se non utili e seleziona nel tempo insetti resistenti alla tossina vanificando la caratteristica della modificazione genetica.
Recenti studi6, inoltre, dimostrano che la contaminazione da Ogm è in continuo aumento: sono state trovate piante transgeniche in ambienti naturali o agricoli nei quali non dovrebbero essere presenti e aumentano le tracce di Ogm nei prodotti alimentari e nei mangimi. La contaminazione è tanto più dannosa se avviene in ecosistemi dove sono presenti piante selvatiche simili a quelle transgeniche coltivate: in questo caso è stata riscontrata un'incontrollata diffusione dei geni transgenici tra le piante. Gli Ogm partecipano alla riduzione della biodiversità agricola e più in generale a quella naturale che rappresenta la nostra vera ricchezza: la biodiversità è infatti a un tempo condizione per l'adattamento delle specie al variare dell'ambiente e garanzia di mantenimento della complessità degli equilibri ambientali.
  • Non sono più economici, non aumentano la produttività delle colture e non aiutano a risolvere il problema della fame nel mondo. Nonostante l'enfasi sugli impatti economici e sociali con i quali vengono spesso presentati, gli Ogm non sembrano essere vantaggiosi: se non per le poche grandi multinazionali che li producono. Le sementi transgeniche sono coperte da brevetto e quindi chi le coltiva, anche se involontariamente (contaminazione), deve pagare delle royalties. Le sementi transgeniche quindi costano di più delle sementi convenzionali e come dimostra l’esperienza statunitense, chi ha acquistato sementi brevettate deve per contratto continuare a farlo per un periodo determinato. Così, negli USA, la Monsanto ha già fatto causa a numerosi agricoltori per violazione contrattuale7. Molti studi evidenziano che le piante transgeniche non sono più produttive delle varietà convenzionali8, anzi una ricerca recente9 sostiene che diano rese inferiori. Gli Ogm ovviamente non risolvono la fame nel mondo:sono utilizzati per lo più nella mangimistica animale destinata ai Paesi dove è maggiore il potere d’acquisto e per di più non si tratta nemmeno di piante ingegnerizzate per essere coltivate in condizioni svantaggiose. Ad ogni modo è evidente che la povertà è il principale motivo della fame e delle carenze alimentari che continuano ad affliggere il mondo: milioni di famiglie non hanno denaro a sufficienza per permettersi di acquistare un cibo sano, nutriente e buono o le attrezzature agricole per produrlo. I problemi di accesso alle risorse sono frutto delle disuguaglianze sociali e della logica liberista nel sistema agroalimentare che considera il cibo, la terra e le risorse naturali come una qualsiasi merce e non come dei beni comuni ai quali devono potere avere accesso tutti gli esseri umani.
  • Sono l'ultima frontiera della “rivoluzione verde” e della strategia di conquista dell'agricoltura da parte delle multinazionali. Gli ogm sono la prosecuzione di quella grande rivoluzione che a partire dagli anni '60 e '70 del secolo appena passato ha permesso ad alcune grandi industrie della chimica una rapida riconversione nella nuova fase postbelica10. Nella rivoluzione verde queste multinazionali hanno trovato una straordinaria opportunità di profitto costruita sulla conquista dei processi produttivi e nella conseguente dipendenza degli agricoltori da input esterni (sementi ibride, fertilizzanti, insetticidi, tecnologia, conoscenza, piani di produzione). Industrializzazione, monocultura e intensificazione della produzione, concimi di sintesi e pesticidi, standardizzazione delle varietà coltivate e sementi ibride, finanziarizzazione delle commodities, sono stati questi gli assi portanti della nuova agricoltura. Una rivoluzione che ha investito violentemente i modi di produzione e di organizzazione sociale, i consumi alimentari e le forme di approvvigionamento e non per ultimo gli ecosistemi agricoli e naturali. La bandiera ideologica del progresso ha imposto la dismissione dei principi della sovranità alimentare, dell'agricoltura conservativa e del diritto di ogni essere umano ad accedere ad un cibo sano e nutriente, mentre ha sostenuto lamercificazione e il controllo gerarchico del cibo. Con gli Ogm le multinazionali cercano una nuova strada per rilanciare i loro già cospicui profitti: da una parte promettendo di risolvere alcuni “problemi” generati della rivoluzione verde (basse rese dovute alla desertificazione dei suoli e dall'utilizzo di ibridi non adatti all'ambiente in cui vengono coltivati), da un'altra intensificando la strategia di controllo dell'agricoltura passando alla brevettazione degli organismi viventi. Un modello nel quale la possibilità di avere accesso ai semi, alla terra e ad un cibo sano, non è un diritto uguale per tutti, ma dipende dalla capacità di pagare.

 
3. Ci poniamo l’obbiettivo di contrastare gli Ogm nei punti nevralgici della loro produzione e distribuzione. Nello specifico riteniamo indispensabile:
  • Fermare il processo di produzione degli Ogm: dalla creazione di semi transgenici a fini riproduttivi in laboratorio, alla loro brevettazione da parte delle multinazionali dell’ agroindustria; dalla riproduzione in campo di sementi madre per la vendita agli agricoltori, fino alla coltivazione in campo aperto per la produzione di materia prima.
  • Fermare il processo di trasformazione degli Ogm: sia all’interno dell’industria alimentare che li utilizza come ingredienti primari o come derivati nei prodotti destinati direttamente al consumo umano, che per quanto riguarda l’utilizzo sotto forma di mangimi nell’industria zootecnica, che fornisce comunque buona parte della nostra alimentazione (carne, uova, latte e derivati, ecc).
  • Fermare la commercializzazione e il consumo di Ogm: imponendo un’etichettatura completa e trasparente dei prodotti finiti, anche laddove gli ogm non costituiscono un ingrediente principale (granella, olio, ecc), ma sono un derivato ottenuto da piante ogm (lecitine, glucosio, amidi, ecc…)11. Esigendo, nel caso dei prodotti animali e loro derivati, una tracciabilità completa dei mangimi utilizzati. Scegliendo per la nostra alimentazione prodotti rispettosi dell’ambiente, della salute umana e del benessere animale, che escludano esplicitamente l’uso di ogm. Sostenendo attivamente e sviluppando filiere agroalimentari alternative e virtuose.

 
4. Per raggiungere questi obbiettivi ci proponiamo di:
  • creare un movimento di cittadini attivi, consapevoli dei rischi rappresentati dagli Ogm e da una agricoltura dipendente dal commercio estero, dalle multinazionali e dalla chimica;
  • sviluppare, diffondere e sostenere sistemi produttivi e distributivi rispettosi dell’essere umano e dell’ambiente, che mettono al centro la sovranità alimentare, l’agricoltura di conservazione e la difesa della terra come bene comune;
  • portare avanti con continuità azioni radicate sul territorio, capaci di coinvolgere la popolazione e creare una mobilitazione ampia sia da parte dei consumatori sia da parte dei produttori/trasformatori. Intendiamo articolare nella quotidianità della vita il rifiuto degli ogm e di un modello agricolo e alimentare distruttivo e spersonalizzante. Riteniamo che per affrontare un problema così grande e complesso non ci si possa limitare ad eventi mediatici estemporanei di comunicazione del dissenso, né sperare che la faccenda si risolva solo su un piano normativo astratto. Privilegiamo dunque l'azione diretta, non limitandoci alla delega istituzionale, ricostruendo una presenza reale e continua nei campi e nei luoghi di produzione, diffusione e consumo di cibo, ovvero dove gli ogm circolano ed hanno rilevanza economica.
  • Individuare nello spazio europeo il terreno strategico della mobilitazione, nella consapevolezza che i territori in cui viviamo e l’Italia potranno essere realmente liberi dagli ogm solo se riusciremo a cambiare i rapporti di forza almeno al livello in cui si decidono le politiche in materia di agricoltura e commercio.
  • Contrastare tutti quegli accordi internazionali (multilaterali o bilaterali) - come quello che ha costituito l’OMC-WTO o il trattato di partenariato transatlantico (Ttip) che stanno discutendo Stati Uniti ed Unione Europea - sul commercio mondiale che impongono il primato del libero scambio sul principio di precauzione e in generale sui vincoli posti a tutela dell’ambiente e della salute umana.
  • Stringere legami di solidarietà fra le realtà che condividono gli obiettivi sopra menzionati, accettando la diversità delle pratiche e sostenendo le forme di lotta che hanno come fine il raggiungimento degli obbiettivi sopracitati.

 
    5. Nella pratica, sottoscrivendo questa carta, ci impegniamo attraverso una partecipazione attiva e costante a:
      5.1. fare pressione sulle istituzioni locali, nazionali ed europee:
  • perché siano aumentati i controlli sulla presenza di ogm negli alimenti, in particolare su quei prodotti che in base alla loro composizione (presenza di: amido modificato di mais, sciroppo di mais, mono e digliceridi degli acidi grassi, destrosio, lecitina di soia [E322], olio di soia, olii vegetali, olio di mais, ecc) sono a rischio di contaminazione, anche accidentale;
  • perché sia applicato il principio di precauzione e venga vietata e sanzionata la produzione, la coltivazione, le importazioni e la commercializzazione di Ogm;
  • perché sia resa obbligatoria una etichettatura trasparente che permetta di sapere se i prodotti che troviamo nei supermercati contengano derivati di ogm e se gli animali da cui derivano certi prodotti (come il latte, la carne, le uova, ecc.) siano stati alimentati con mangimi Ogm;
  • perché tutti i prodotti che vengono qualificati come Made in Italy ed in particolare quelli che si fregiano del marchio DOP (ad es.: Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Asiago, Prosciutto di Parma, Prosciutto San Daniele) garantiscano l'assenza di tracce di Ogm e nel caso di derivati animali certifichino che l'alimentazione degli animali provenga da filiere free ogm al 100%;
  • perché vengano adottate tutte quelle misure e politiche che permettono di bloccare concretamente la diffusione degli ogm nei diversi punti della loro catena di produzione e commercializzazione.
5.2. Fare pressione sui punti strategici della catena del valore degli Ogm (multinazionali produttrici di semi e piante, mangimifici, consorzi agrari, supermercati, agricoltori):
  • organizzando campagne di informazione e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle categorie professionali direttamente coinvolte;
  • aprendo delle vertenze contro chi produce e distribuisce prodotti Ogm e derivati;
  • lanciando campagne di boicottaggio (ad esempio segnando con etichette “rischio Ogm” i prodotti presenti nei supermercati sui quali esiste un serio dubbio sul fatto che contengano derivati di Ogm).
     
5.3. fare rispettare, con l’azione diretta o con il sostegno a chi la pratica, il “principio di precauzione”, in assenza della mancanza di interventi concreti da parte delle istituzioni:
  • nei campi, attraverso controsemine o il taglio delle piante, per evitare la contaminazione delle piante nei terreni circostanti;
  • nei punti in cui vengono commercializzati (mangimifici, consorzi agrari, supermercati) bloccandone la vendita.

 
5.4. Valorizzare e far crescere quantitativamente e qualitativamente le filiere alimentari che escludono gli Ogm, rispettano l’ambiente, la saluta umana e il benessere animale:
  • recuperando, riproducendo e condividendo su una scala congrua le sementi e le piante autoctone, frutto del lavoro di selezione delle generazioni che ci hanno preceduto e adattate alle condizioni dei nostri territori. Tale ricchezza deve essere messa a disposizione dei coltivatori e delle reti sociali (Gruppi d'acquisto solidale, orti sociali, mercati dei produttori) con l’ambizione di fare arrivare cibo sano, nutriente, buono e sostenibile sulle tavole di tutti.

 

 
----
Questa bozza per una Carta d'intenti per la tutela della biodiversità e contro la diffusione degli Ogm
è stata scritta da Altragricoltura Nordest e discussa in assemblea al Terre Resistenti festival il 26 aprile scorso.
Si tratta di un documento aperto al contributo di tutte e tutti,
che guarda ai percorsi resistenti a tutela della biodiversità diffusi sul territorio italiano e all'estero.

 
Per informazioni e contributi:


1 Fonte ISAAA (International Service for the Acquisition of Agri-biotech Applications), 2014.
2 USA (69,5 milioni di ettari, colture di mais, soia, cotone, colza, barbabietola da zucchero, alfalfa, papaia, zucchina); Brasile (36,6 milioni di ettari, colture di soia, mais, cotone); Argentina (23,9 miloni di ettari, coltivazioni di mais, soia, cotone); India (11 milioni di ettari, cotone); Canada (10,8 milioni di ettari, colza, mais, soia, barbabietola da zucchero). Fonte ISAAA, 2014.
3 Nel 2012 sono stati piantati in Europa 129mila ettari di masi transgenico. Fonte ISAAA.
4 Renato Dulbecco, in Scienza & Tecnologia, La Reppubblica, 22 novembre 2002:http://www.repubblica.it/online/scienza_e_tecnologia/artificiale/dulbecco/dulbecco.html.
5 Charles M Benbrook, 2012, Impacts of genetically engineered crops on pesticide use in the U.S. -- the first sixteen years, Environmental Sciences Europe:http://www.enveurope.com/content/24/1/24.
6 Fao, 2014, Technical Consultation on Low Levels of Genetically Modified (GM) Crops in International Food and Feed Trade; Test Biotech - Institute for Indipendent Impact Assessment in Biotechnology, 2013,Transgene Escape. Global atlas of uncontrolled spread of genetically engineered plants. Inoltre, non possiamo dimenticare la vicenda del mais transgenico “Starlink” dell’Aventis. Questa varietà nonostante fosse stata autorizzata esclusivamente per i mangimi animali e non per il consumo umano, in quanto già sospetta di essere potenzialmente allergenica, venne rinvenuta all’interno di prodotti commercializzati da Kraft, in seguito alla segnalazione di decine di casi di persone che avevano denunciato sintomi di tipo allergico dopo averli ingeriti.
9 Jack A. Heinemann, Melanie Massaro, Dorien S. Coray, Sarah Zanon Agapito-Tenfen, Jiajun Dale Wen, 2014, Sustainability and innovation in staple crop production in the US Midwest, International Journal of Agricultural Sustainability, 12:1: http://www.tandfonline.com/doi/pdf/10.1080/14735903.2013.806408.
10 L’industria agrochimica fattura intorno ai 45 miliardi di dollari. Solamente 6 multinazionali controllano il 75% del mercato: Monsanto, Syngenta, Bayer, DuPont, Basf e Dow.

11 Siamo consapevoli che la legislazione esistente già prevede l’etichettatura dei prodotti contenenti, composti o ottenuti da Ogm, ma è pur vero che i controlli posti in essere dal Ministero della Salute evidenziano un numero di positivà a tali organismi che è in continuo aumento.  




permalink | inviato da retebioregionale il 23/5/2014 alle 10:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 maggio 2014

Sirolo - 2 giugno 2014 - REES Marche in festa

Sirolo - REES Marche, 2 giugno 2014: Assemblea triennale e festa

 
 


Cari Amici,


qui sotto trovate la mia comunicazione a soci e amici e il programma dell'assemblea di REES Marche.  Il programma è molto bello e mi farebbe piacere una vostra partecipazione, assieme a tutti gli amici che vorrete invitare.....

Se sarete al pranzo è bene prenotarsi, come da indicazioni sottostanti.

Grazie tante      A presto      Buona vita      Loris Asoli 

-------------------------------------------------------------------------------------------------



Cari soci e amici di REES Marche,

siete tutti calorosamente invitati alla prima Assemblea di REES Marche per il nuovo triennio 2014-2016,
aperta a tutti coloro che sono interessati ad uno o più dei tanti temi che trattiamo.

Un'assemblea che unisce il passato dell'associazione con il presente e le prospettive del prossimo futuro, e che è anche un importante evento culturale, in cui varie reti sociali, vicine a REES Marche,
si incontrano e propongono le loro riflessioni e attività per migliorare la nostra società.

Ci saranno una mattinata con interventi e spunti su come costruire una nuova economia e società
e un pomeriggio con molti laboratori pratici, di grande interesse.

Sono anche previste gradevoli sorprese per tutta la giornata, per regalarci un incontro piacevole e indimenticabile.

Per iscrivervi all'incontro, prenotarvi per il pranzo e per l'assistenza ai bambini, con il laboratorio del riciclaggio creativo, scrivete a:
gruppo-assemblea@reesmarche.org


Qui di seguito il ricco programma dettagliato



Assemblea REES Marche 2014


Verso una nuova società

ad economia partecipata, comunitaria, solidale:

coltiviamo il futuro

2 Giugno 2014

Sirolo (AN) - Centro Visite Parco del Conero -


MATTINO

9.00-9.30

Accoglienza partecipanti

9.30-9.40

Saluti introduttivifarne

9.40-10.20

Comunità marchigiane: ritmi, passi e percorsi collettivi di economia solidale

Introduzione condivisa

10.20-11.00

“Idee per costruire una nuova economia virtuosa”

Roberto Mancini, docente di filosofia teoretica all'Università di
Macerata, autore di numerosi libri e articoli sui temi dell'Economia
solidale

PAUSA CAFFE'

11.15-12.15

Programma triennale di REES Marche.

Andrea Ceccarelli, Loris Asoli ed altri consiglieri.

12.15-13.00

Dibattito con i presenti, su tutti i temi del mattino

13.00-15.00

Pranzo e convivialità.

Noi offriamo un primo abbondante con prodotti bio La Terra e il Cielo
e acqua. Per il resto contiamo sulle vostre integrazioni volontarie.

Nel corso di tutta la giornata ci saranno gradevoli sorprese di convivialità.

POMERIGGIO

15.15-16.00

Stefano Fucili: parole e note sostenibili

16.00-16.30

Verso l'incontro nazionale dell'Economia solidale di Parma del 20-22 Giugno 2014

Pietro Passarella della RES, Rete di economia solidale, dell'Emilia Romagna

16.30-17.00

Presentazione in plenaria di 7 laboratori tenuti da reti associative
vicine a REES Marche

17.00-18.00  LABORATORI

A scelta i presenti potranno partecipare ad uno dei 7 seguenti:

La difesa dei prodotti locali tipici attraverso i presidi di Slow
Food. I presidi marchigiani attuali. Ne vogliamo fare altri?

a cura di Slow Food Marche (Ugo Pazzi)

I distretti biologici: facciamo le Marche tutte bio!

a cura di AIAB Marche (Enzo Malavolta, e Gioia Castronaro)

La grande sfida della Carta di Arcevia 2: la gestione comunitaria del
territorio e del paesaggio

a cura del Forum del territorio e del paesaggio (Riccardo Picciafuoco
e Olimpia Gobbi)

Costruiamo insieme il programma per un convegno-festa regionale dei
GAS e dei produttori in settembre

a cura di Gasisti presenti (facilitato da Sabrina Gazzetti)

Aziende agricole biologiche e Mercati agricoli a filiera corta bio

a cura del movimento “Vivi la tua Terra” (Gabriele Squaiella e Stefano
Della Ceca)

I principi fondamentali della pedagogia steineriana, per il
rinnovamento dell'arte dell'educazione

a cura di Libera associazione pedagogica Rudolf Steiner di Ancona
(Ester Donatacci e Daniela Vichi)

Creiamo i Comitati territoriali “Salviamo il cibo, l'ambiente, i semi,
la salute e i beni comuni - Difendiamoci da diserbanti, pesticidi,
OGM, cibo spazzatura e leggi ingiuste”

a cura di Forum del paesaggio (Angela Mary Pazzi), Accademia delle
Erbe (Fabio Taffetani), Associazione NOGM (Franco Trinca)

18.00-19.00

Resoconti in plenaria delle idee emerse nei 7 laboratori e dibattito
finale. Come proseguiamo insieme? Percorsi di lavoro. Saluti.

19.00 -20.00

Per chi lo desidera, passeggiata ai Giardini della Repubblica
(distanza 8 minuti a piedi) e nel borgo medioevale di Sirolo


NOTE ORGANIZZATIVE

PRENOTAZIONI, COMUNICAZIONI, PRANZO

Per una migliore organizzazione della giornata vi preghiamo vivamente
di prenotarvi scrivendo all'indirizzo gruppo-assemblea@reesmarche.org
. Potete usare lo stesso indirizzo per ogni tipo di comunicazione. In
caso di soprannumero i prenotati avranno la precedenza. In particolare
è richiesta la prenotazione per il pranzo. Per ridurre i rifiuti e i
costi è consigliato che ognuno porti un proprio piatto, un bicchiere e
le posate. Saranno comunque disponibili sul posto in materiale
biodegradabile. Per comunicazioni telefoniche: Andrea Ceccarelli
0721.800008, Loris Asoli 071.698621

www.reesmarche.org

PRODUTTORI E ASSOCIAZIONI

Per favorire la partecipazione di tutti all'incontro, non abbiamo
previsto un mercatino, ma saranno a disposizione di produttori ed
associazioni dei tavoli dove potranno esporre prodotti e materiale
informativo.

BAMBINI.farne

Vogliamo favorire la presenza delle famiglie. Ci sarà un'assistenza
bambini professionale, a cura Ludoteca Riù di Santa Maria Nuova, che
si occuperà dei bambini con laboratori di riciclaggio creativo.
http://www.ludotecariu.it/. Per piacere prenotate in anticipo la
presenza dei bambini. Se invece uno dei due genitori desidera andare
al mare con i bambini, siamo in un posto ideale, vicinissimi ad una
delle zone più belle d'Italia per le spiagge e il mare (Numana,
Sirolo, Portonovo).

BACHECA DELLE IDEE

Per lasciare traccia e dare a tutti la possibilità di esprimersi sono
previste due bacheche con la libera possibilità di appendere un
foglietto in ognuna. Una bacheca per esprimere “Cosa mi piacerebbe che
facesse REES Marche”, la seconda per esprimere “Cosa mi piacerebbe
fare io con REEES Marche”

PROGRAMMA TRIENNALE PARTECIPATIVO

Il programma triennale definitivo, a partire da quello già elaborato,
sarà messo a punto successivamente dal Consiglio dell'Associazione,
tenendo conto di tutte le idee e suggerimenti emersi durante tutta la
giornata.

LUOGO DELL'INCONTRO

Sirolo (AN) - Centro Visite Parco del Conero Via Peschiera 30a  www.parcodelconero.com
Per informazioni per raggiungere il posto il Centro visite e aperto
tutte le mattine (9-13)  071 9331879

In Auto: DA NORD: Autostrada A14 uscita Ancona SUD
               DA SUD:    Autostrada A14 uscita Loreto
               seguire poi le indicazioni per la "Riviera del Conero"
Numana-Sirolo. All'ingresso di Sirolo proseguire seguendo le
indicazioni Parco del Conero-Centro Visite

Coordinate per navigatore
Latitudine: 43.518921   Longitudine: 13.618167

Trasporti pubblici www.anconarenibus.it www.conerobus.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sirolo rees marche loris asoli

permalink | inviato da retebioregionale il 22/5/2014 alle 9:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

21 maggio 2014

Aumento delle meduse nel Tirreno

 

Invasione di "meduse" blu lungo le

 coste del Tirreno

 

Recente,emte abbiamo approfondito il problema dell'abnorme proliferazione delle meduse in tutti i mari del mondo ed avevamo profetizzato che anche da noi ci sarebbero state grandi invasioni di questi animali. Così è stato, anche se lo spiaggiamento sulle nostre coste è caratterizzato non proprio da meduse, ma comunque sempre da celenterati conosciuti con il nome scientifico di velella velella (azzurre), che a causa delle modificate condizioni climatiche e successivo riscaldamento del mare si sono trovate nel loro boom demografico e di conseguenza, spinte da venti di libeccio, sono finite per sbarcare sulle coste del Lazio: da Ostia a Civitavecchia.

 

Non sono questi animali pericolosi come le meduse, tuttavia si sconsiglia di toccarli muniti di guanti. Nel 2012 ci fu un altra invasione di questi animali marini in Liguria e in Toscana, segno che ormai si sono ben radicati sul nostro mare. Speriamo che in futuro non compaiano meduse pericolose come la Cubomedusa o la Caravella Portoghese che invece sono letali per l'uomo a causa del veleno sprigionato dalle loro vescicole distribuite nei lunghi filamenti o tentacolari, al momento sono presenti soprattutto sulle coste atlantiche dell'America.

(Fonte A.K.)



 

Ultime cose
Il mio profilo



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     aprile   <<  1 | 2 | 3  >>   giugno